Fusione dei ghiacciai italiani, la tecnologia aerospaziale scende in campo

E’ partito ufficialmente il nuovo programma di ricerca scientifica “Levissima Spedizione Ghiacciai, in collaborazione con l’Università di Milano e il supporto dell’associazione EvK2CNR: lo riporta il sito In a Bottle: specificando che il nuovo progetto punta a studiare i cambiamenti dei ghiacciai italiani partendo dall’Alta Valtellina avvalendosi delle migliori attrezzature di rilevamento aereo e del satellite NASA.

Daniela Murelli Direttore Corporate Social Responsibility del Gruppo Sanpellegrino – afferma – Il progetto “Levissima Spedizione Ghiacciai”, che realizziamo con il prezioso aiuto dell’Università di Milano con cui collaboriamo dal 2007, si pone l’obiettivo di preservare il patrimonio freddo delle montagne italiane e sensibilizzare sull’importanza del sistema-ghiacciaio”.

I Ghiacciai sono una risorsa preziosa e sensibile come ha evidenziato il “Nuovo Catasto dei Ghiacciai Italiani” da poco concluso dai ricercatori dell’Università degli Studi di Milano guidati dal professor Claudio Smiraglia. Questa ricerca ha infatti evidenziato che negli ultimi 50 anni il numero dei ghiacciai italiani è aumentato, passando da 824 a 896, ma la superficie complessiva si è ridotta di oltre un terzo.

I primi esperimenti svolti nel corso dell’estate 2014, grazie anche al passaggio del satellite della NASA, hanno portato a risultati molto incoraggianti. Per meglio analizzare le immagini satellitari e quelle rilevate dall’alto i ricercatori hanno collocato temporaneamente sui ghiacciai uno speciale telo in materiale atossico che steso su una superficie di qualche centinaio di metri quadri rende meglio riconoscibile l’immagine e permette la corretta localizzazione degli elementi in essa presenti. Queste pionieristiche sperimentazioni tecnologiche rappresentano la prima fase del più ampio progetto di Levissima, che punta a realizzare protocolli di lavoro innovativi che dalla Valtellina possano essere esportati per tutte le Alpi e trovare le risposte scientifiche alla fusione dei ghiacciai italiani.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie