I dolori del parto si combattono con la vitamina D

Della vitamibìna D non si parla molto, eppure è può fare grandi cose a beneficio del nostro organismo. Infatti una ricerca del Cedars-Sinai Medical Center in Los Angeles, si è scoeprto che può aiutare a combattere i dolori del parto, così da poter fare a meno dell’epidurale durante il travaglio.

Fino ad oggi non si era pensato ad una azione antidolorifica della vitamina D. Sappiamo che è basilare per la salute delle ossa, ed è stato scoperto che può avere un effetto protettivo nei confronti di demenza ed Alzheimer, ma fino ad ora non si era valutato un suo uso specifico contro il dolore del parto. La lampadina si è accesa negli scienziati quando hanno notato che le donne con livelli più bassi di vitamina D avevano una maggiore propensione a richiedere l’epidurale nel corso del travaglio.

Per dare fondamento alla loro ipotesi, i ricercatori coordianti dal dott. Andrew Geller hanno preso un campione di 93 donne le quali avevano richiesto tutte quante l’epidurale per il proprio parto. A tutte è stato fatto un prelievo per verificare i livelli di vitamina D nel sangue e contestualmente è stata misurata la quantità di antidolorifici richiesta da ognuna delle gestanti. Coloro che mostravano una maggiore quantità di questo nutriente nell’organismo, hanno effettivamente richiesto meno anestesia per affrontare il travaglio. Spesso nel corso della gravidanza i livelli di questa vitamina scendono fisiologicamente: una dieta adeguata può sopperire a questo problema. Il dott. Geller infatti commenta: “Abbiamo scoperto che le pazienti con bassi livelli di vitamina D vivono un dolore molto più forte durante il travaglio e che cresce particolarmente durante il parto”.

E’ la prima volta che la vitamina D viene associata al dolore del parto: fino ad ora i suoi bassi livelli erano stati collegati alla depressione. Per ovviare a questo problema ed avvicinarsi al momento della nascita del bambino con pochi problemi, è consigliato aggiungere alla propria dieta alimenti che contengono vitamina D come latte e olio di pesce.

Condividi questo articolo: 

Altre Notizie