Intervista esclusiva a Carlo Taormina, aggiornamenti sulla denuncia a Renzi

Abbiamo raggiunto l’Avv. Carlo Taormina al telefono per avere aggiornamenti sul percorso della denuncia contro Renzi da parte del suo assistito, Alessandro Maiorano.

Domanda. Avvocato Taormina, quali novità ci sono nella denuncia a Renzi?
Risposta. Siamo in attesa delle evoluzioni giudiziarie perché sappiamo che la Procura di Firenze sta conducendo delle indagini. Aspettiamo che almeno il primo esito porti a determinati risultati.
Attendiamo che questo accada.

D. Ci sono dei testimoni ?
R. Abbiamo citato moltissimi testimoni nella denuncia affinché vengano sentiti sulle specifiche circostanze che abbiamo indicato. Anche se il materiale documentale prodotto dovrebbe bastare per gli esiti giudiziari.

D. Quale reato, in particolare, secondo la documentazione raccolta, potrebbe rappresentare la certezza di un processo?
R. Tutti i reati denunziati sono fonte del processo. Abbiamo configurato, chiedendo conferma all’autorità giudiziaria, il peculato, la ricettazione, la corruzione e l’associazione per delinquere.

D. Si indaga anche sugli “amici” di Renzi?
R. Non solo. Anche sui funzionari della provincia che, secondo la nostra rappresentazione che la Procura dovrà chiarire se essere fondata o meno, hanno dato il loro contributo giuridico sui profitti percepiti da Renzi come spese non giustificate.

D. Lusi che ruolo ha in questa vicenda? È correlato ai 70,000 euro che lui afferma di aver dato a Renzi per la sua campagna elettorale?
R. Non sono 70.000€. Abbiamo tre fatture per 120.000€ con una determinata causale e riteniamo si tratti di ricettazione perché sono soldi provenienti dal malloppo di 25 milioni di euro sottratti dall’ex tesoriere della Margherita (condannato a maggio a 8 anni di reclusione per appropriazione indebita n.d.a.).
Siccome il denaro sequestratogli è di provenienza illecita, abbiamo ipotizzato, la magistratura stabilirà se è vero o no, che anche i soldi dati a Renzi, di conseguenza, provengano dalla stessa partita e che quindi siano illeciti.

D. Il processo per diffamazione a danno del suo assistito, Alessandro Maiorano?
R. Abbiamo chiesto l’anticipazione dell’udienza, visto che era stata fissata tra un anno.
Ancora non abbiamo risposte a riguardo.

D. Quali reali possibilità ci sono perché Renzi sia iscritto nel registro degli indagati?
R. Dipende tutto dalla Procura. Qualora ritenesse la nostra denuncia fondata, come sembra almeno dai primi accertamenti che stanno facendo,allora si procederà.

D. Grazie per averci concesso questa intervista. Buona serata.
R. Buonasera a lei.

Ovviamente, restiamo in attesa di nuovi sviluppi sulla vicenda che potrebbe scatenare un terremoto politico di notevole entità.
Confidiamo nel lavoro della Procura di Firenze.

#matteostaisereno #lavoltabuona

Condividi questo articolo: 

Altre Notizie