Il mito dell’invisibilità? Bastano 4 lenti e si può fare in casa-video

Un mantello che renda invisibili…Quanto mi sarebbe piaciuto poterne usufruire in certe occasioni, ma è sempre rimasto una chimera, di cui mi sono beata leggendo novelle. Ma del resto i più giovani ne avranno fatto la conoscenza con Harry Potter.

Ma per gli scienziati ormai nulla è impossibile. Infatti una nuova invenzione potrebbe trasformare la fantasia in realtà: il fisico John Howell dell’Università di Rochester (USA) e il suo studente Joseph Choi hanno infatti inventato un metodo che permette di rendere invisibili gli oggetti grazie a un sistema ottico che consiste in quattro comuni lenti.

Ecco come funaziona: le lenti sono posizionate una dietro l’altra, a una certa distanza prestabilita. Quando si inserisce un oggetto tra le lenti e si guarda attraverso di esse, l’oggetto in questione… scompare. Questo accade perché le lenti sono collocate in modo tale da deviare la luce e fanno sì che l’onda elettromagnetica non colpisca l’oggetto posto nel “dispositivo”.

La particolarità di questo lavoro è che i ricercatori americani hanno elaborato la giusta combinazione di lenti, diverse a due a due per lunghezza focale, che permette di non avere distorsione nella visione dello sfondo anche se non si guarda perfettamente al centro della fila di lenti. Il sistema, dicono gli inventori, potrà avere diverse applicazioni: una volta miniaturizzato potrebbe essere inserito negli specchietti delle vetture per eliminare i punti ciechi o come ausilio ai chirurghi che potranno vedere attraverso le loro mani mentre operano.

Ecco come potete realizzarlo ance voi: questo non è il primo studio che vede protagonisti metodi capaci di occultare un oggetto alla vista: sono infatti anni che gli scienziati ideano, per esempio, materiali artificiali che controllano il passaggio della luce. Però quella dell’Università di Rochester è finora l’invenzione più semplice e anche economica (la spesa per costruirla è stata di 1.000 dollari pari a circa 800 €).

E con un po’ di ingegno e manualità è possibile fabbricare il dispositivo e magari provare l’ebrezza di far “sparire” qualcosa.

-Procuratevi 2 coppie di lenti con differenti lunghezze focali f1 e f2
-Separate le prime 2 lenti della somma delle loro lunghezze focali (la lente f1 è la prima, f2 è la seconda e sono separate da t1= f1+ f2)
-Fate la stessa cosa con le altre due lenti
-Separate le due coppie da t2=2 f2 (f1+ f2) / (f1— f2), così che le due lenti f2 siano a una distanza t2

I ricercatori hanno usato lenti di 50 mm con lunghezza focale rispettivamente di 200 mm per f1 e 75 mm per f2.

Buon divertimento!

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie