Mulino solare per ripulire il mare dalla plastica-video

Del problema dell’inquinamento degli oceani abbiamo parlato sovente, soprattutto in merito alla presenza della plastica e della microplastica. Ma gli studi certo non si fermano e quelli più recenti sostengono che nelle acque del nostro pianeta sono dispersi almeno 1 miliardo di tonnellate di rifiuti, una cifra davvero impressionante, che va a compromettere irrimediabilmente gli ecosistemi marini. Pulire il mare dalla plastica non è facile e molte sono state le soluzioni proposte, ma spesso sono i costi a bloccare gli entusiasmi.

Una di queste soluzioni è la ruota solare, una sorta di mulino posta a maggio a Baltimora, nel Maryland, proprio nell’area portuale della città all’imbocco della foce di uno dei fiumi più grandi della zona, nella baia di Chesapeake. La funzione è quella di ripulire l’acqua prima che qusta confluisca nell’oceano. Il suo funzionamento si basa su grandi braccia di contenimento galleggianti, sistemate contro corrente che catturano i rifiuti del fiume e della baia.

I detriti e i rifiuti vengono quindi rastrellati e inviati ad un nastro trasportatore inclinato che li toglie dall’acqua e li deposita in un contenitore galleggiante. Il nastro naturalemente è protetto da un’apposita copertura che lo protegge dagli agenti atmosferici. Per muovere questo “mulino” viene sfruttata appunto la rotazione di una ruota a pale, come quelle dei mulini ad acqua, che viene azionata dai movimenti della corrente e anche dall’energia derivante da pannelli solari appositamente installati.

Dal funzionamento di un sistema antico, rivisto con le moderne tecnologie, come quella solare, è stato creato questo spazzino ecologico. Il progetto è interessante e, a pochi mesi dall’entrata in funzione, i risultati fanno ben sperare; riesce infatti produrre circa 23 tonnellate al giorno di rifiuti grazie all’energia solare.

Condividi questo articolo: 

Altre Notizie