E’ “PopUp Hotel” il progetto del primo albergo italiano realizzato con container riciclati

Anche in Italia si stanno sempre più sviluppando i progetti di “Container Architecture”. L’azienda BOX4IT ha infatti presentato “PopUp Hotel”, il prototipo del primo progetto italiano di stanza d’albergo realizzata con container riciclati.

Il progetto è stato presentato al SAIE di Bologna, la fiera dell’edilizia e dell’architettura che quest’anno ha festeggiato la cinquantesima edizione.

Secondo Alessandro Cocchi, ideatore e fondatore di BOX4IT, la soluzione del “PopUp Hotel” è «una risposta alle differenti esigenze del mercato  edile, in  grado di offrire una soluzione in  cui la  crescente attenzione  per l’ambiente sposa  le  limitate disponibilità  di  budget»

“PopUp Hotel”, la stanza di albergo realizzata con container riciclati, arriva dopo un percorso di un anno durante il quale BOX4IT ha collaborato con Hally Hansen, Bosh, Vans, Replay, Rina,  progettando stand fieristici, shop itineranti con container riciclati, garantendo le esigenze tecniche , la maneggevolezza e la rapidità delle operazioni di trasporto e allestimento senza rinunciare all’estetica e, naturalmente, al riciclo creativo dei container utilizzati. La Ducati, ad esempio, ha  scelto BOX4IT per il lancio della nuova Scrambler.

BOX4IT ha realizzato anche  progetti evoluti di Container Architecture (mai realizzati in Italia)  come il  Centro Commerciale di Cavezzo, comune duramente colpito dal terremoto in Emilia,  composto da container abitativi riciclati e realizzato in 4 mesi. A tal proposito, Giovanni Fattori, Presidente del Consorzio Cavezzo, ha così commentato: «Il terremoto ci ha portato via la casa, il lavoro e molti amici. Per rientrare negli edifici che ospitavano le nostre attività, tutti palazzi gravemente danneggiati o addirittura demoliti, avremmo dovuto attendere anni. Grazie a BOX4IT dopo pochi mesi eravamo già tornati al lavoro».

Sempre in Emilia, quest’anno è stato realizzato il complesso sportivo della Polisportiva Casalgrandese: una complessa struttura realizzata, in soli due mesi,  a partire da 16 container high cube in acciaio Cor-Ten riciclati a fine corsa da 40 piedi, distribuiti su 2 piani.

«Le strutture modulari di BOX4IT – racconta Alessandro Cocchi – sono studiate appositamente per resistere a situazioni limite che nessuna casa dovrà mai affrontare. Inoltre, possono essere unite a piacimento, proprio come quando da bambini si giocava con le costruzioni. Il principio è lo stesso».

Condividi questo articolo: 

Altre Notizie