Al di qua della vita, al di là della morte: la scienza conferma la vita oltre la vita

Quello della vita oltre la morte è un tema, anzi un imperituro quesito che l’uomo da sempre si pone, fin dall’alba della sua coscienza. E proprio di coscienza si tratta, no nquella del corpo fisico, ma del corpo sottile o dell’anima se per voi è più comprensibile. Il nostro è essere spirituale è semplicemente ospite di un corpo fisico, di cui facciamo esperienza, ma la nostra essenza è puro spirito. Di correnti di pensiero ve ne sono molte, ma io sono fra quelli che credono in una vita oltre la morte, perchè considero la morte semplicemente un distacco dal materiale.

Molte sono le testimonianze di coloro che risvegliatisi da un coma, o ripresisi da un arresto cardiaco, hanno cercato di spiegare ciò che hanno visto e provato nel loro stato di apparente incoscenza, ma spesso tali dichiarazioni sono state considerate con scetticismo. Ora però la scienza, sembra aver cambiato, grazie ad uno studio, la propria corrente di pensiero.

Sono stato i ricercatori della Southampton University che, per quattro anni hanno esaminato i casi di 2.060 persone, tutte vittime di arresto cardiaco, in 15 ospedali sparsi tra la Gran Bretagna, gli Stati Uniti e l’Austria. Secondo i dati in possesso degli studiosi inglesi, circa il 40 per cento dei sopravvissuti ha descritto esperienze coscienti provate mentre il loro cuore aveva smesso di battere. In cifre, dei 330 scampati alla morte 140 hanno raccontato di essere rimasti parzialmente coscienti durante la rianimazione.

Singolare (neanche più di tanto) il caso di un assistente sociale cinquantasettenne di Southampton che ha raccontato di avere lasciato il proprio corpo e di avere assistito alle procedure di rianimazione dello staff medico da un angolo della stanza nella quale era ricoverato. L’uomo, benché il suo cuore si fosse fermato per tre minuti, ha raccontato nei dettagli le azioni dei medici e degli infermieri e ha ricordato anche i suoni delle apparecchiature mediche. Il particolare che ha attirato l’attenzione dei ricercatori è stato che l’uomo ricordava i beep emessi da un particolare apparecchio, programmato per emettere segnali sonori ogni tre minuti. «Quell’uomo ha descritto tutto quello che è avvenuto in quella stanza”, ha dichiarato Sam Parnia, direttore della ricerca, “ma la cosa più importante è che si è ricordato di aver udito due beep. Questo ci permette di comprendere quanto è durata la sua esperienza».

Le altre testimonianze tendono a essere piuttosto uniformi nel loro contenuto. Un paziente su cinque ha sperimentato un inusuale senso di pace e circa un terzo dei 330 sopravvissuti ha assistito a un rallentamento o a una accelerazione del tempo. Alcuni hanno rammentato una forte luce simile a un flash o a un sole splendente, mentre altri hanno raccontato di una sensazione di paura di affogare e venire trascinati in acque profonde. Infine, il 13 per cento di coloro che sono stati rianimati ha ricordato delle esperienze extracorporee e un aumento delle percezioni sensoriali.

Sam Parnia è uno specialista in anestesia e rianimazione, attualmente primario del reparto di Terapia intensiva e direttore del dipartimento di ricerca sulla Rianimazione presso la Scuola di Medicina della Stony Brook University di New York. È considerato uno dei massimi esperti mondiali nel campo della morte, del rapporto mente-cervello e delle esperienze ai confini della morte. Dal 2008 Parnia fa parte del progetto AWARE, uno studio internazionale promosso da Human Consciousness Project al quale hanno aderito venticinque ospedali tra Europa e Nord America. Lo scopo del progetto è quello di verificare se le percezioni riportate da pazienti che hanno superato un arresto cardiaco possono essere provate.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie