Wow Wonderful Water: l’acqua radioattiva torna pura- video

Si chiama Wow  il nuovo dispositivo per la purificazione dell’ acqua dalle scorie radioattive. Wow, realizzato da un ingegnere padovano Aldo Marinha, è riuscito a  ridurre di 7.500 volte la concentrazione di cesio radioattivo nell’acqua, partendo da livelli di contaminazione simili a quelli presenti negli impianti di raffreddamento del reattore di Fukushima. Ha ridotto anche i volumi delle acque da stoccare: la radioattività presente in 5 mila metri cubi può essere concentrata in un litro.

Il sistema, è perfezionato e testato a lungo dai laboratori Arpav di Padova, dal Cnr, dall’Università di Pavia e dal Laboratorio per l’energia nucleare applicata, ottenendo tutte le attestazioni necessarie. L’ invenzione apre uno scenario di enormi potenzialità a livello economico. I macchinari utilizzati a Fukushima sono in Giappone, considerati i più efficienti sono capaci di depurarei 25 mila metri cubi d’acqua al mese si producono 5 mila metri cubi di fanghi radioattivi.

Non solo è efficace sulle sostanze radioattive ma è in grado ripulire l’acqua da qualsiasi lordura. Potrebbe rappresentare, dunque, una soluzione per la depurazione dell’acqua fognaria e per far diventare purissime le acque reflue industriali.

Intanto, il primo test su vasta scala si concluderà a dicembre a Saluggia, in provincia di Vercelli, dove c’è il deposito di scorie nucleari Avogadro. Marin si è già recato a Tokyo per mostrare il funzionamento di Wow. L’impiego del dispositivo nell’area contaminata di Fukushima potrebbe ridurre i fanghi radioattivi prodotti mensilmente, pari a un campo da calcio, al volume di una lavatrice.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie