Olio essenziale di Cipresso, proprietà e usi

Oggi vorrei presentarvi l’olio essenziale di cipresso, uno dei più potenti oli che la natura potesse donarci. Ha qualità straordinarie ed è molto potente. In breve ecco le sue qualità.

Proprietà: vasocostrittore, antispastico, deodorante, astringente, antisudorifero, diuretico, epatico, riequilibratore, antireumatico
Principali applicazioni: edemi, insufficienza circolatoria, emorroidi, cellulite, ipersudorazione, seborrea, reumatismi, squilibri ovarici, tensione nervosa, bronchite, tosse.

Per gli antichi il cipresso era considerato un albero sacro, il suo legno profumato era ritenuto incorruttibile; pianta magica, assolveva a una doppia funzione: custode di vita, sacro a Zeus, a Venere e ad Apollo, ma anche pianta sacra a Plutone, dio del mondo sotterraneo dell’Ade, pertanto simbolo di vita e di morte. Con il suo protendersi verso il cielo e lo sviluppo prevalentemente ascensionale, rappresenta la tensione spirituale, è la pianta del silenzio, del raccoglimento e la si ritrova nei chiostri, nei luoghi di preghiera, presso i cimiteri, come simbolo di immortalità.

Ma il cipresso è tutt’altro che una pianta che rattrista: i medici antichi consigliavano a coloro che erano ammalati nell’anima o nel corpo, di passeggiare e di sostare vicino ai cipressi, toccandoli e accarezzandone la chioma, per liberarsi delle proprie angosce e per sopportare meglio i dolori della vita. Il cipresso aiuta l’uomo a riprendere il contatto con se stesso, invita alla calma e alla riflessione e fa buona guardia alla salute. Albero amico dell’uomo, si pensava potesse “dialogare” e trasmettere la propria forza alle persone provate dalla vita e in cerca di serenità. Il suo profumo eleva lo spirito: le porte delle basiliche erano costruite in cipresso. Come tutte le piante sotto l’influenza di Saturno, limite di demarcazione tra l’immateriale e il materiale, il cipresso ha un potere profondo, di coagulazione, di purificazione e di trasformazione che agisce anche sulla psiche, a un livello superiore di coscienza.

Dal punto di vista delle proprietà, l’essenza di cipresso ha un forte potere emostatico e astringente che si esplica bene nei disturbi della circolazione venosa quali varici, emorroidi, mestruazioni abbondanti. In questi casi sarà utile utilizzarne qualche goccia unita a olio di germe di grano o a una crema lenitiva alla calendula o in una crema da massaggio per la cellulite. Significativa è la somiglianza tra i coni del cipresso e le ovaie (la “segnatura” degli antichi, cioè la somiglianza di una pianta con specifici organi del corpo umano dava una preziosa indicazione per la sua azione terapeutica su quella parte a cui somigliava). In effetti è dimostrata l’azione di questa essenza nei disturbi mestruali specie con mestruazioni abbondanti e dolorose e nei disturbi della menopausa.

Per la sua azione astringente è indicato anche nell’enuresi notturna dei bambini, applicandone qualche goccia per un lieve massaggio a livello della vescica, nella parte bassa dell’addome. Qualche goccia sul cuscino calma la tosse spasmodica, per fumigazioni è indicata nella bronchite. Nell’eccesso di sudorazione utilizzarla nell’acqua del bagno o per maniluvi e pediluvi. Per il suo potere antiparassitario può essere applicata anche sul pelo di animali domestici. L’essenza di cipresso è molto potente e va usata in piccole quantità.

Olio da massaggio anticellulite: in 50 ml di olio vettore (olio di Nocciola o di Vinacciolo, eventualemnte anche una miscela in parti uguali dei due), aggiungere 10 gocce di olioessenziale di Limone, 4 di Cipresso, 4 di Ginepro bacche e 4 di Rosmarino.
Ovaie: ecco due formulazioni da massaggio per trattare in particolare l’addome e la parte bassa della schiena: in 50 ml di crema base neutra o di olio di Mandorle dolci aggiungere 4 gocce di cipresso, 6 di Mandarino, 3 di Rosa, 7 di Salvia. Oppure: 4 gocce di Cipresso, 6 di Mandarino, 3 di Rosa, 7 di Salvia sclarea. O anche: 4 gocce di Cipresso, 3 di Rosa, 7 di Vetiver,, 6 di Ylang-Ylang.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie