Le sculture liquide del maestro Maruyama

Shinichi Maruyama, è un artista giapponese che è riuscito a coniugare la secolare arte nipponica con le tecniche moderne della fotografia per immortalare i flutti d’acqua nella loro massima espressione. In pratica uno studio dinamico sul movimento, dove si torvano ad interagire elementi visivamente opposti: inchiostro nero e acqua. Le sue fotografie infatti catturano qesti fluidi danzanti fra loro, che si uniscono, si separano, si fuggono e si ritrovano, ponendosi davanti a noi come sculture liquide.

Fotografie di grandi dimensioni rappresentano l’interazione tra inchiostro nero e acqua nelle opere del maestro nipponico. Fortemente influenzato dalle antiche tradizioni giapponesi e dallo studio sul movimento del proprio corpo, Shinichi Maruyama realizza bellissime sculture scaturite da collisioni di fluidi, grazie ad apparecchiature tecnologiche di vario genere e a tempi di posa velocissimi.

Il caso è un grande coreografo e quando l’obiettivo di Shinichi ferma la frazione di secondo esatta in un cui i liquidi s’incontrano mantenendo la loro integrità si parla appunto di gesto effimero che immortala la loro unione.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie