Un Pavimento luminoso ad Energia zero: Photoluminescent

Da un vecchio brevetto degli anni ’50 la Decking Quartz srl lancia un nuovo tipo di pavimentazione: Photoluminescent, un tipo di pavimentazione da esterni che cattura la luce diurna e la restituisce durante la notte, creando così atmosfere suggestive di luce diffusa ad energia zero. Questa lungimirante azienza produce componenti per superfici in Adaxite, che è una miscela di quarzo, marmo e altri componenti lapidei, a cui ha aggiunto un mix di graniglia di vetro e fosforo. Grazie ai frammenti inseriti nell’impasto hanno creato così un materiale che restituisce la luce accumulata durante il giorno negli ambienti in cui viene collocato.

Il meccanismo attraverso cui la luce diurna viene restituita, avviene ad energia zero, perchè il fosforo presente nell’impasto, stimolato dai fotoni dei raggi ultravioletti, emette una radiazione elettromagnetica percepibile dall’occhio umano per alcune ore dopo che il fenomeno si è innescato. L’effetto luce ha una durata che va dalle 4 alle 6 ore e in più il materiale non necessita di manutenzione alcuna, non contiene sostanze chimiche e non è infiammabile.

Tali componenti sono adatti sia alle superfici orizzontali come a quelle verticali e quindi adatti anche a particolari progetti architettonici. I listoni hanno dimesioni standard e possono anche essere combinati con altri elementi della linea prodotta dalla Decking Quartz. Il vecchio brevetto rispolverato da questa azienda e che era stato sviluppato per l’illuminazione delle piste d’atterraggio degli aerei nel deserto può essere utilizzato oltre che per scopi puramente estetici anche per rendere più visibile la segnaletica stradale.

Inoltre il listoncino è totalmente naturale e quindi riciclabile, ma non finisce qui perchè fra l’altro, l’azienda sostiene una politica molto attenta al rispetto dell’ambiente, infatti le acque utilizzate negli stabilimenti vengono filtrate e riutilizzate nel ciclo produttivo e le emissioni di CO2 sono ridotte con l’eliminazione dei forni ad alta temperatura.
Fonte Rinnovabili.it

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie