Vetiver, l’olio essenziale della tranquillità

Il vetiver è una pianta erbacea originaria dell’India meridionale e dello Sri Lanka, dotata di un complesso intreccio di radichette bianche sotterranee. Da queste viene estratta un’essenza dall’aroma intenso, legnoso, che può variare nel sottotono, da dolce a secco, a seconda della provenienza geografica.

In Oriente le componenti verdi della pianta vengono intrecciate per formare delle aromatiche stuoie, mentre l’olio viene denominato, per le sue caratteristiche, “olio della tranquillità”. Il profumo è molto gradevole e viene utilizzato spesso per aromatizzare cosmetici e profumi. Il suo impiego in aromaterapia riguarda in particolare la sfera psichica, su cui esercita un’azione di stimolazione in caso di stanchezza, depressione, scarsa energia e un effetto riequilibrante in caso di stress, paure, tensioni.

L’azione esercitata dal vetiver varia da soggetto a soggetto e va “testata” individualmente: su alcuni prevale l’effetto rilassante e sedativo, che si esplica per esempio con un bagno o un massaggio serale, prima di andare a letto, per conciliare il sonno; su altri invece esercita maggiormente un’azione tonica ad energizzante. In quest’ultimo caso è consigliabile utilizzare l’essenza per una doccia mattutina ed evitare l’applicazione alla sera, per non attivare e stimolare il sistema nervoso e rendere quindi più difficoltoso l’addormentamento. Per massaggi è indicato in caso di contratture e dolori muscolari; aggiunto all’acqua, per impacchi e lavaggi, è utile per l’igiene della pelle grassa o con tendenze acneiche.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie