Alzheimer: scoperta causa principale, speranze per cura definitiva

Ci siamo quasi, e le speranze si fanno più concrete: le speranze arrivano dalla Duke University, dove un team di ricercatori ha scoperto la causa principale della malattia di Alzheimer. La malattia si origina da un comportamento anomalo delle cellule immunitarie cerebrali, le microglia, che nel caso specifico consumano quantità tropo alte di un aminoacido, l’arginina.

A seguito di questo eccessivo consumo, le microglia cominciano a dividersi e per questo si modificano. Ed è qui che sono intervenuti i ricercatori: per arrestare questo processo hanno testato su topi di laboratorio dosi di difluorometilornitina, una molecola capace di ridurre l’attività enzimatica. Grazie alla somministrazione della molecola, è stata evidenziata la riduzione del consumo di arginina da parte delle microglia e conseguentemente della produzione di placche amiloidi, le principali responsabili della comparsa dell’Alzheimer.

Come ben sappiamo ad oggi non esiste una cura per questa terribile malattia che possa bloccare il progressivo avanzare della demenza. I farmaci in uso possono solo ridurre i sintomi. Si punta dunque sull’azione di inibizione enzimatica della difluorometilornitina, che è stata già utilizzata con un certo successo nel trattamento di alcuni tipi di tumore e offre nuove speranze per contrastare anche la patologia neurodegenerativa. E’ bene ricordare che in Italia i malati di Alzheimer siano circa 500mila e che viene colpito circa il 5% dei soggetti over 60.

Carol Colton, co-autrice dello studio pubblicato sul Journal of Neuroscience ha spiegato: “Se sarà accertato anche negli uomini che il consumo di arginina gioca un ruolo così importante nel processo degenerativo, forse potremmo bloccarlo ed invertire il corso della malattia”. Dunque riponiamo tutte le nostre speranze nella sperimentazione umana che se dovesse rivelarsi efficace, potrebbe farci fare un notevole salto rispetto al punto morto in cui ci si trova attualmente.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie