Apicoltura urbana, il miele di città a Km zero

Apicoltura urbana sui tetti dei palazzi. Sono davvero tanti i posti sorprendentemente dedicati a questa curiosa produzione di miele: dai balconi di Londra alla cima dei grattacieli di New York e adesso anche Zurigo, la più grande città svizzera. Coltivare frutta e verdura fai da te in serra sui tetti degli edifici è diventata una vera e propria tendenza che si sta estendendo anche all’allevamento di galline ovaiole e di api. A  Zurigo, nella più grande città svizzera, la biologa Helena Greter, da anni si dedica alle api e vende «Honig us Züri», miele di Zurigo.

L’allevamento di api è un lavoro tutt’altro che facile, come ha potuto constatare in tutti questi anni. Ai cittadini interessati propone un corso della durata di due anni. Negli ultimi anni, si è parlato molto della moria delle api, le cui cause non sono ancora chiare. Il responsabile di interi sciami è l’acaro Varroa? Oppure sono i pesticidi, le monocolture o altri fattori ambientali? Ciò che è chiaro è che le api sono indispensabili per l’uomo e la natura. Sono infatti loro ad impollinare gran parte delle piante.E allora perché non allevare apia anche in città?

In Italia, invece, esistono le cosiddette ‘città del miele’ dove la qualità della vita è misurata proprio dalle api. Periodicamente e solo temporaneamente, per via della sciamatura, le api hanno fatto visita anche a piazza San Babila a Milano, al Campanile di Giotto e piazza della Signoria a Firenze, in via del Corso a Roma.

Nessun regolamento condominiale, vieta l’installazione di un alveare sul balcone. In Italia, in assenza di una regolamentazione dell’apicoltura urbana, ci si rifà alla Legge nazionale, che dice che le api possono stare ovunque, purché rispettino le distanze di sicurezza. Basta che ci sia una barriera o un dislivello di due metri che separa l’arnia dalla proprietà adiacente e non ci sono problemi. Certo, qualche vicino potrà brontolare, ma bisogna far capire alla gente che avere le api sul balcone accanto è un ottimo indicatore di qualità ambientale.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie