Batteri Elettricisti per bonificare l’Ambiente dai Metalli Pesanti

Ormai tutti noi, anche solo per sentito dire, sappiamo quanto siano inquinanti i metalli pesanti e quanto siano pericolosi sia per l’ambiente che per la nostra salute. Ma grazie ad una ricerca congiunta delle Università di Tubinga e di Manchester e il Pacific Northwest National Laboratory, Usa, arriverà una squadra di betteri elettricisti. Questi batteri infatti, se attivati dalla luce, sono in grado di generare vere e proprie batterie che sfruttano particelle magnetiche di un minerale ferroso, la magnetite.

I suddetti microrganismi, appartengono alla specie Rhodopseudomonas palustris, e si trovano diffusamente nelle acque stagnanti e nei sedimenti. I ricercatori li hanno incubati assieme a minerali di magnetite, esponendoli a una luce che simulava l’alternarsi di giorno e notte. Grazie a questo test si è scoperto che quando venivano “attivati” dalla luce, i batteri rimuovevano gli elettroni dalla magnetite “scaricandola”, mentre nel periodo di buio li trasferivano nuovamente alla magnetite “ricaricandola”. Sono stati quindi sperimentati più cicli di carica e scarica alternando questi processi.

I ricercatori intendono anche sperimentare con altri tipi di batteri che differentemente dal R. palustris, non metabolizzano il ferro. Infatti spiegano: “Potremmo indurli a farlo attraverso l’ingegneria genetica”. L’obiettivo è quello di trovare un altro sistema totalmente naturale per ripulire l’ambiente. Andreas Kappler, dell’Università di Tubinga dice: “Studi recenti hanno dimostrato che è possibile usare la magnetite per ripulire i metalli tossici come il cromo esavalente. L’uso combinato della magnetite con i batteri potrebbe addirittura potenziarne l’effetto”.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie