Senegal: risparmio di acqua ed energia con l’irrigazione solare

Il progetto Freddas, co-finanziato dalla Cooprazione Italia allo sviluppo (Esteri), ha come obiettivo quello di aiutare gli agricoltori senegalesi a trovare soluzioni che permettano il risparmio di risorse attraverso l’uso di rinnovabili. E’ stato perciò messo a punto un sistema che permette la coltivazione di sessanta ettari di terreni coltivati grazie all’irrigazione solare che è in grado di sfamare 900 persone. Il sistema funziona tramite due impianti fotovoltaici e prevede l’irrigazione a goccia che permette un risparmio di acqua del 70%.

Green Cross, l’organizzazione promotrice, ha come obiettivo la riqualificazione sostenibile dei terreni agricoli abbandonati che si trovano in aree predesertiche. La popolazione locale avrà così l’opportunità di garantire una fornitura costante di frutta e verdura, destinata a produrre guadagni e a sfamare i vari abitanti dei villaggi.

Prima dell’avvento dell’irrigazione solare, per irrigare venivano usati macchinari diesel per pompare l’acqua, ma, oltre ad essere inquinanti, richiedevano un costo di produzione di 40-50 centesimi a kilowattora. Adesso invece, la spesa totale si è dimezzata ed è possibile ottenere fino a tre raccolti annuali, aumentando sia la resa agricola che il reddito dei contadini. E il tutto in maniera “verde”, dato che l’energia solare in Senegal è disponibile e costante tutto l’anno.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie