Slow Food Planet, arriva l’app per conoscere la cultura del cibo di tutti i paesi del mondo

Slow Food Planet è molto più di una semplice applicazione: è un amico che consiglia l’osteria in cui mangiare, il mercato dove comprare e in quali locali rilassarsi con una buona birra artigianale. Eugenio Signoroni, curatore del progetto, presenta il nuovo strumento digitale di Slow Food Editore creato in collaborazione con Lavazza, lanciato oggi a Cascina Cuccagna, l’Hub della sostenibilità di Lavazza e Novamont per Expo2015. Ma è la rete associativa di Slow Food a fare la differenza: «Le segnalazioni provengono direttamente da chi vive sul territorio, da chi frequenta i locali e ne conosce i gestori». Dentro Slow Food Planet si ritrova l’autorevolezza della nostra associazione.

«Anni fa, vedendo crescere la rete sui territori, ero convinto avremmo dovuto creare uno strumento utile per chi viaggia nel mondo, e finalmente ci siamo. Ma vi dirò di più: Slow Food Planet è il comitato di liberazione per Carlo Petrini. Da bravo gourmet, ho passato 30 anni a ricevere telefonate notturne di amici che chiamavano dall’altra parte del mondo per sapere dove mangiare. Bene, ora vi dico, scaricate Slow Food Planet e troverete tutte le informazioni che cercate! Questa App è anche il comitato di liberazione da Tripadvisor: noi ci mettiamo la faccia, se qualcosa non funziona vi preghiamo di dircelo, ma non troverete in Planet punteggi o commenti che distruggono piccole realtà e la credibilità di persone che lavorano. Se un locale non ci convince preferiamo non inserirlo piuttosto che distruggerlo. Nella nostra App sono segnalati i mercati contadini, i negozi che vendono al dettaglio, si possono incontrare i protagonisti del nostro cibo», racconta Carlo Petrini, presidente di Slow Food, presentando anche gli ambiziosi obiettivi di Slow Food Planet: «Vogliamo che entro la fine del 2018 tutto il mondo sia mappato, dalle grandi città alle aree più remote del Sud del mondo».

Una sezione speciale della App è dedicata ai Coffee Experience, locali in cui gustare un ottimo caffè Lavazza creato con le miscele ¡Tierra!, Kafa ed Etigua. «La collaborazione con Slow Food ha radici molto profonde e ora grazie alla App potremo dare la possibilità di trovare caffè con requisiti di qualità e sostenibilità. ¡Tierra! è un progetto importantissimo dal punto di vista sociale, mentre Kafa rappresenta l’unica piantagione naturale nella foresta pluviale etiope, con una produzione limitata. Il nuovissimo Etigua invece è una miscela di caffè arabica dei Presìdi Slow Food della foresta di Harenna dell’Etiopia e delle terre alte di Huehuetenango del Guatemala», racconta Francesca Lavazza, direttore corporate image. «Lavazza da sempre sostiene i progetti educativi e formativi dell’Università di Scienze Gastronomiche, per cui è sede didattica distaccata. E a dimostrazione dell’impegno nel settore della sostenibilità, abbiamo anche dedicato il nostro calendario 2015 agli Earth Defenders, rappresentando i nuovi leader africani e unendo le comunità cafeicole a quelle dei Presìdi Slow Food. Ma il cuore di tutto è sempre la collaborazione. Come recita un proverbio africano, infatti, da soli si va più veloci, ma insieme molto più lontano. E con Planet sicuramente potremo scoprire il mondo in modo diverso».

E come ha sottolineato il moderatore Giuseppe Di Piazza, responsabile editoriale di Corriere Innovazione: «Questa App è facilissima da usare, molto semplice, in grado di segnalare i locali più vicini al punto in cui ci si trova, indicando solo quelli aperti in quel determinato momento».

Molte le funzionalità originali di questa App, che segnala i locali in cui è possibile portare il vino da casa, quelli che propongono stilose doggy bag per il cibo avanzato, o quelli aperti tutta la notte. Gli orari sono espressi con i momenti della giornata, perché Slow Food Planet vuole dare una visione completa dell’esperienza gastronomica, consigliando dove fare colazione o l’aperitivo. Interessante anche il dizionario che racconta i termini più dialettali o tipici di un territorio, per far conoscere la cultura del cibo di tutti i paesi del mondo.

Per scaricarla: www.slowfood.it/chi-siamo/slow-food-editore/app

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie