Allergy Control, l’App per la gestione delle allergie tutta italiana

FederAsma e Allergie Onlus – Federazione Italiana Pazienti, hanno promosso insieme una App tutta italiana da scaricare gratuitamente sul proprio smartphone che ci aiuterà a conoscere le allergie, gli allergeni e a capire come possiamo curarci adeguatamente: si tratta di Allergy Control, disponibile su iTunes e Google Play.

L’idea di sviluppare questa app si è fatta strada da una semplice constatazione: ormai tutti o quasi hanno uno smartphone e con una App dedicata alle allergie è possibile dare concreto aiuto a tutti i soggetti allergici e aiutarli nella gestione della patologia. Allergy Control è facile da usare: vi sono video che spiegano il meccanismo d’azione delle allergie o altri in cui si narrano storie di pazienti per capire meglio come si devono trattare i sintomi. Eleonora Nucera, docente di allergologia all’università Cattolica di Roma spiega: «L’obiettivo della app è aiutare l’allergico accompagnandolo nella gestione della terapia prescritta dall’allergologo. Si può ad esempio consultare il calendario pollinico per Regione e c’è la possibilità di tenere un “diario dell’allergico” dove registrare l’andamento dei sintomi: in questo modo, alle successive visite dallo specialista, si potrà avere un archivio prezioso per tracciare un quadro chiaro e preciso del proprio stato».

L’App ha anche una sezione dedicata alle domande più frequenti, in particolare quelle che riguardano l’immunoterapia allergene-specifica. Giorgio Walter Canonica, direttore della Clinica di Malattie dell’Apparato Respiratorio e Allergologia dell’IRCCS San Martino di Genova dice: «Si tratta dell’unica terapia in grado di risolvere il problema allergie alla radice perché agisce sulle cause e non soltanto sui sintomi. La cura, che deve essere valutata dallo specialista e dura dai 3 ai 5 anni, riesce a regolare la risposta immunitaria per riportarla alla normalità: le prove scientifiche di efficacia e sicurezza sono sempre più numerose». Nella pratica il meccanismo consiste nell’“abituare” il sistema immunitario a tollerare l’allergene a cui si è ipersensibili. E’ però un percorso piuttosto lungo e anche complesso che richiede sempre la supervisione di un esperto che valuta se vi sono le condizioni per poterlo fare.

Sicuramente si tratta di una speranza per tutti coloro che soffrono di allergie e, come aggiunge Canonica: «Negli ultimi cinque anni il numero degli allergici è cresciuto del 5 per cento. L’asma riguarda ormai il 6 per cento della popolazione generale e la rinite allergica arriva al 30 per cento nelle fasce d’età più giovani. L’allergia ai pollini, la più diffusa, colpisce circa 12 milioni di persone che ogni anno, dall’inizio della primavera, si ritrovano a starnutire ripetutamente, con gli occhi che lacrimano e il naso che cola».

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie