Aree protette: elogio della bellezza, al via la II edizione dell’International Parks Festival

La Bellezza, intesa come etica. La ricerca di un equilibrio possibile nel rapporto tra Uomo e Natura. L’obiettivo di una nuova sostenibilità ambientale. Sono questi i principali temi, dibattuti all’International Parks Festival che, per il secondo anno consecutivo, torna a Trezzo sull’Adda (Mi) con un titolo che è una vera scommessa per il futuro: Aree protette: elogio della bellezza.

Da mercoledì 10 a domenica 14 giugno 2015, una cinque giorni tecnica, divulgativa e di intrattenimento dedicata ai Parchi italiani ed europei ma anche ai temi ambientali connessi come alimentazione, benessere, foreste, biodiversità, cambiamenti climatici, comunicazione ambientale e con tanti eventi collaterali. Quartier generale dell’iniziativa, bellissima Centrale Taccani di Enel Green Power (via Barnabò Visconti, 14) e i luoghi principali della città (Piazza Libertà, Castello Visconteo, Sala Società Operaia, Auditorium Verdi).

La manifestazione, promossa da città di Trezzo sull’Adda, dal Parco Adda Nord, con la collaborazione di Regione Lombardia, ideata e diretta da FeDa Srl, è stata presentata oggi in conferenza stampa alla Darsena di Milano da CLAUDIA MARIA TERZI, assessore Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile Regione Lombardia, AGOSTINO AGOSTINELLI, presidente Parco Adda Nord e vicepresidente Federparchi, DANILO VILLA, sindaco di Trezzo sull’Adda, DANIELE BARONIO, coordinatore International Parks Festival, e GAETANO VALLESE, responsabile supporto gestione Unità territoriale Lombardia di Enel Green Power.

“Oggi nel mondo sempre più globalizzato – dice Claudia Maria Terzi, assessore regionale all’Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile – i parchi sono i “paladini” storico ambientali dei territori, esecutori materiali della loro salvaguardia e promotori degli stessi. Le continue convivenze ai cambiamenti ai quali sono sottoposti, si integrano sempre più con le necessità di continue conoscenze culturali e tecnologiche e nell’ottimizzazione ed integrazione con i nuovi mezzi di comunicazione e promozione.  E queste giornate sono un esempio lampante della strada da seguire”.

“I due temi fondamentali della nuova edizione dell’International Parks Festival – spiega Agostino Agostinelli, presidente del parco Adda Nord e vice presidente di Federparchi – sono la bellezza, intesa come valore che attraversa la vita quotidiana delle persone e dei luoghi, e la resilienza, intesa come capacità dell’ambiente di adattarsi alle pressioni che subisce con dinamismo e vitalità. Perché i Parchi hanno queste due caratteristiche: producono bellezza e sono resilienti. E il Festival di quest’anno vuole valorizzarle, creando confronto e collaborazione tra diversi soggetti. Cercheremo di creare connessioni tra università, mondo delle professioni, operatori pubblici, imprese e cittadini, perché si sviluppi un confronto capace di indagare e rafforzare le grandi potenzialità dei Parchi, sia sul piano locale che su quello nazionale ed europeo”.

“La volontà dell’Amministrazione di portare a Trezzo il secondo Festival Internazionale dei Parchi – spiega Danilo Villa, sindaco di Trezzo – è il corollario di una attività amministrativa sempre volta all’attenzione dell’ambiente e alla qualità della vita che hanno permesso di scegliere il nostro Comune come sede idonea e di grande appeal sul panorama Europeo. International Parks Festival sarà l’evento della città che permetterà al nostro comune di essere parte attiva di una vetrina internazionale. L’appuntamento sarà anche un ottima occasione per coinvolgere i cittadini, le associazioni e le attività economiche che potranno godere di un palcoscenico di alto profilo istituzionale”.

“Il Festival – prosegue Massimo Colombo, vice sindaco di Trezzo – nasce per ascoltare e far ascoltare per far vivere e condividere emozioni. Essere all’International Parks Festival è cogliere la possibilità di parlare di economia, di sviluppo sostenibile, tutela e conservazione, di green economy e di turismo sostenibile; è capire come essere tutor del proprio territorio e della sua tutela e salvaguardia. Nel mondo sempre più globalizzato i parchi sono i “ paladini” storico ambientali dei territori, con i quali devono entrare in relazione, dialogare per trasferire competenze e necessità e trovare insieme una strada comune per la loro stessa sostenibilità”.

“Dopo aver affrontato lo scorso anno l’avvio di un percorso di attenzione e sensibilizzazione alle tematiche dei parchi e della natura che ha avuto subito successo e consensi – spiega Daniele Baronio, coordinatore dell’International Parks Festival – questa seconda edizione vuole concentrare l’attenzione di pubblico e relatori su uno degli aspetti fondanti della nostra vita; la bellezza, declinata in ogni forma artistica e intesa come elemento guida per la salvaguardia etica dell’ambiente. Perché ciò che è eticamente bello, non può essere sbagliato per l’Ambiente”. “Siamo sempre molto entusiasti di mettere a disposizione del territorio un patrimonio artistico e allo stesso tempo industriale come la nostra centrale di Trezzo sull’Adda – afferma Gaetano Vallese di Enel Green Power. Ogni anno ospitiamo diverse decine di eventi con molto piacere e soddisfazione del territorio che oltre a prender parte ai vari eventi, ha l’opportunità di visitare l’impianto, scoprendo con divertimento come si genera energia elettrica dall’acqua, la prima grande fonte rinnovabile in Italia, e come Enel Green Power opera in maniera sempre più sostenibile sul territorio”.

L’International Parks Festival nasce con l’ambizione di essere il ritrovo annuale di confronto sulle tematiche relative all’Ambiente, alla Natura al Territorio, al Paesaggio, alla Comunicazione. È il punto d’incontro della geo – comunità (esperti, addetti ai lavori, amministratori e cittadini) attenti all’ambiente e interessati a costruire insieme lo sviluppo sostenibile, inteso come mediazione tra esigenze della Natura ed esigenze dell’Uomo.

Rispetto alla passata edizione, International Parks Festival 2015 registra una crescita sia nei contenuti che nei numeri. Si sviluppa su 5 giornate, contro le tre dello scorso anno, ricche d’iniziative che si terranno nelle piazze e nei luoghi più rappresentativi di Trezzo sull’Adda. Ecco la manifestazione in cifre: 100 relatori presenti, 6 convegni, 5 workshop, 5 incontri con gli autori e rispettivi libri a tema, 10 spettacoli serali di musica e teatro, 8 mostre permanenti e due installazioni. E ancora, un mercato contadino con prodotti tipici della tradizione locale, vetrina di eccellenze artistiche, culturali ed enogastronomiche; tante degustazioni e aperitivi in ogni angolo della Città. “I visitatori dello scorso anno sono stati 25mila, l’obiettivo è di superare anche questo numero, già significativo – dicono gli organizzatori”.

Tra gli eventi da segnalare per l’edizione 2015, il Congresso nazionale di Federparchi (11 e 12 giugno, Sala Liberty Taccani Enel Green Power) e il Meeting nazionale delle Polizie ambientali (13 giugno, Sala Liberty Taccani Enel Green Power). Da non perdere anche l’incontro sull’alimentazione che darà vita alla Carta di Milano contro lo spreco alimentare (venerdì 12 giugno, ore 17, Società operaia), il Concorso arti grafiche e video sull’Ambiente, ideato e promosso dal regista trezzese Mattia Colombo in collaborazione con Fe.Da (giovedì 11 giugno, ore 18,30, piazza Libertà) e il Convegno sulla comunicazione ambientale dal titolo “Sfide ambientali e giornalismo sostenibile, informazione inquinata e buone notizie”, con crediti formativi per i giornalisti, organizzato da FeDa e Arga Lombardia e Liguria con l’Ordine dei giornalisti della Lombardia.

L’iniziativa avrà una madrina d’eccezione, Licia Colò, che sarà presente al taglio del nastro del 10 giugno 2015, ore 15,30 – Sala Liberty Centrale Taccani Enel Green Power di Trezzo sull’Adda. Confermata anche per questa seconda edizione la preziosa presenza di Luca Mercalli, presidente Società Meteorologica Italiana (RAI3 ScalaMercalli), e la partecipazione di ospiti ormai affezionati come il ministro all’Agricoltura Maurizio Martina, del sottosegretario all’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare Barbara Degani. Tra gli ospiti internazionali, Richard Dawson, Field Studies Council, e Davie Philip, Università Newcastle. Ci saranno, inoltre, molti rappresentanti dei Parchi italiani ed europei e decine di esperti di ambiente, manager, architetti, biologi, economisti, scienziati e giornalisti.

“Padrini” ideale del Festival saranno Leonardo e Dante che, con la loro genialità, e le loro intuizioni, hanno segnato anche la storia ambientale futura, restando attuale riferimento anche oggi. L’iniziativa gode anche del patrocinio di; Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Consiglio Regione Lombardia, ANCI, Federparchi – Europarc, Corpo Forestale dello Stato, Provincia di Lecco, Provincia di Bergamo, Città Metropolitana di Milano, Comune di Capriate San Gervasio, Comune di Vaprio d’Adda, Comune di Verderio, Ordine dei giornalisti della Lombarda, Arga Lombardia e Liguria, Università degli Studi di Bergamo, Università degli Studi di Milano DIVET, Consulta Regionale Lombarda dell’Ordine degli Architetti Paesaggisti Pianificatori e Conservatori, Fondazione Enrico Mattei.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie