Bandiere Blu, Liguria ancora una volta campione seguita da Marche e Toscana

L’edizione 2015 delle Bandiere Blu premia 248 spiagge italiane, con 9 new entry rispetto all’edizione passata, mentre escono dalla lista, per non aver rispettato i rigidi standard, cinque località. La Liguria si conferma ancora una volta campione regionale, con 20 località vincitrici, tra cui Sanremo, seguita da Marche e Toscana, rispettivamente con 18 e 17 bandiere. Sono 14 le bandiere per l’Abruzzo, 13 per la Campania, 10 per la Puglia, 8 Emilia Romagna e Lazio 5 come l’anno scorso, mentre la Sardegna aumenta e passa da 6 a 7.

Le spiagge che hanno perso il riconoscimento: Marina di Gioiosa Jonica, Amendolara e Cariati in Calabria, Scanno in Abruzzo e Pozzallo in Sicilia. Le pagelle sono state stilate dalla Fondazione per l’educazione ambientale (Fee), sulla base dell’eccellenza delle acque e su diversi fattori ambientali e paesaggistici. Tra i vari indicatori: impianti di depurazione funzionanti, gestione dei rifiuti, cura dell’arredo urbano e delle spiagge e la possibilità di accesso al mare per tutti i fruitori senza limitazioni.

Nel 2015  bandiere blu per i laghi: una per la Lombardia, due per il Piemonte, che ne riconquista una, e ben cinque per il Trentino Alto Adige. Inoltre, sono 66 gli approdi turistici che potranno fregiarsi, del riconoscimento Bandiera Blu 2015, a dimostrazione delle scelte di sostenibilità intraprese dalla portualità turistica. I criteri guida per l’assegnazione delle Bandiere Blu vanno ”dall’assoluta validità delle acque di balneazione” (devono avere una qualità ‘eccellente’) all’efficienza della depurazione, dalla raccolta differenziata alle aree pedonali, piste ciclabili e spazi verdi, fino alla dotazione di tutti i servizi sulle spiagge.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie