Blitz della Forestale a Roma alla ricerca del killer dei cani

Stamani si è svolta la perlustrazione da parte del Corpo forestale dello Stato delle aree all’interno di Villa Pamphili e Villa Sciarra, storici parchi della Capitale, teatro insieme alle zone limitrofe di diversi casi di avvelenamento di cani nelle ultime settimane. I controlli della Forestale mirano a far luce sulla vicenda e a recuperare prove e indizi che portino alla scoperta dell’autore del gesto criminale.

Già da diverse settimane si sono moltiplicate le segnalazioni di avvelenamenti in diverse zone di Roma, in particolare parchi pubblici e aree circostanti, dove vengono portati a spasso i cani. Sono stati accertati circa 10 decessi tra cani e gatti e alcune denunce sono pervenute anche al Corpo forestale dello Stato che oggi ha impiegato personale del Nucleo Investigativo per i Reati in Danno agli Animali (NIRDA) e del Comando Provinciale di Roma, le Unità del Nucleo Cinofilo Antiveleno della Forestale e del Parco Nazionale del Gran Sasso. In particolare sono entrati in azione Dingo e Maya, Pastori Belga Malinois dal carattere esuberante e fortemente ricettivo, e Datcha una socievole ed esperta Border Collie che, insieme ai loro conduttori, sono i primi Nuclei Cinofili Antiveleno che operano in Italia.

I riscontri sul decesso di “Bo”, un giovane meticcio che ha ingerito il veleno letale nelle strade vicine a Villa Pamphili, e quelle sui reperti rinvenuti hanno evidenziato il tipo di veleno utilizzato che provoca il decesso degli animali nel giro di poche ore con sintomi che si manifestano solo quando ormai gli organi interni risultano compromessi. Le ricerche puntano su diversi filoni investigativi nell’ambito dei quali potrebbero emergere atti di intolleranza verso comportamenti poco adeguati dei proprietari di cani. Il fenomeno dei bocconi avvelenati sta creando un clima di grave allarme fra proprietari di animali domestici e genitori di bambini che ogni giorno frequentano i parchi pubblici romani.

Le attività di perlustrazione sono tuttora in corso e proseguiranno anche nei prossimi giorni. I reati connessi a questi atti sconsiderati sono maltrattamento animale aggravato dall’uccisione con pene che prevedono la reclusione fino a due anni e multe fino a 30mila euro, mentre l’eventuale recupero delle sole esche mortali comporterebbe per il responsabile l’applicazione della pena prevista per il getto di cose pericolose.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie