Climatizzazione passiva degli edifici: dall’Australia il nuovo super tetto bianco

IL concetto di cool roof, ossia quelle coperture che sono in grado di riflettere la luce solare e permettere ad un edificio di avere una climatizzazione passiva, sono ormai diffuse in campo edile. Ma all’University of Sydney, si sono impegnati per rendere ancora più efficiente questo tipo di soluzione. Ciò che il team di ricercatori dell’università australiana ha realizzato, è davvero super. Il loro coll roof infatti, ha la capacità di rimanere più freddo rispetto alla temperatura ambiente, persino sotto il sole australiano nel bel mezzo dell’estate.

A condurre lo studio il dottor Angus Gentle e il professore Geoff Smith. Lo studio si è concentrato sull’applicazione di un fascio di strati polimerici, una combinazione di poliestere appositamente scelto su una superficie d’argento. Come spiegato dal professor Smith: “Abbiamo dimostrato per la prima volta come realizzare un tetto più freddo della temperatura dell’aria attorno ad esso, anche nelle condizioni estive più intense. I tetti si riscaldano, assorbendo la luce del sole, e anche quando bianchi assorbono ancora abbastanza radiazione solare per riscaldarsi da 9 gradi Celsius a 12 gradi Celsius”. Ciò che differenzia questo nuovo tipo di tetto rispetto agli altri è che esso è costituito da una superficie speciale che è in grado di mantenere la sua temperatura a 11 o più gradi in meno rispetto ai cool roof attualmente esistenti. E questo perché assorbe solo il 3% della radiazione solare incidente.

L’innovativo tetto è stato testato sulla copertura di un edifico della facoltà di Fisica nell’ateneo, durante l’estate, così da poter raccogliere anche i dati sull’impatto dell’accumulo di polvere e sporcizia. La superficie ha mantenuto le sue alte prestazioni in tutte le condizioni. “Un’estesa formazione di condensa è inevitabile per questo tipo di tetto e le gocce di rugiada tolgono via la sporcizia” ha detto Smith.
Fonte Rinnovabili.it

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie