Con gli agronomi arriva la ‘Fattoria Globale’, qui nasceranno nuove idee per i modelli produttivi del futuro

Expo Milano 2015, inaugurato il Padiglione di WAA-World Association of Agronomists. L’Associazione Mondiale degli Agronomi partecipa infatti all’Esposizione Universale come esponente della Società Civile (Civil Participant) con un proprio concept, dal titolo La Fattoria 2.0.
Alla presenza di Maria Cruz Diaz Alvarez, Presidente della World Association of Agronomists, di Andrea Sisti, Participant Director WAA for Expo e Presidente di Conaf (Consiglio dell’Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali) e di Enzo Eusebi, l’architetto che ha progettato il Padiglione, si è svolta la cerimonia del taglio del nastro.

Nello spazio della Fattoria Globale 2.0 sono esposti i diversi modelli produttivi sul paesaggio, sul territorio, sulle identità locali. Per ogni continente, sono state identificate quattro farm tipiche o comunque rappresentative, che verranno descritte, mese dopo mese, in una visita guidata da un agronomo o da un forestale progettista. L’approfondimento sulle Fattorie in Europa, che inizia lunedì 18 maggio, è svolto in collaborazione con i Padiglioni di Italia, Francia, Paesi Bassi, Regno Unito, Spagna, Slovenia e Austria.

“Oggi si realizza un sogno iniziato due anni fa – ha commentato Alvarez –. Questo Padiglione farà conoscere a tutti la professione dell’agronomo, nata proprio per alimentare il Pianeta. Ci auspichiamo che apra la strada a un forum globale di progetti adeguati, tempestivi e pubblici, di tecnologie e metodi moderni e di recupero delle identità alimentari”. La presentazione dei contenuti che il WAA svilupperà nel corso del Semestre si è tenuta nel cuore del Padiglione, dove un albero di noce piantato al centro del Tavolo della Democrazia vuole rappresentare quello che, per le fattorie di tutto il mondo, è il luogo del riposo, della riflessione e del confronto di idee sul futuro.

“Durante i prossimi sei mesi – spiega Sisti – apriremo il confronto su nuovi modi di progettare il cibo, in grado non solo di produrre di più, ma soprattutto di alimentare meglio. Le grandi calamità e le carestie che hanno segnato la vita del Pianeta ci ricordano che la scienza deve mantenere sempre alta la guardia. L’obiettivo della nostra partecipazione è formulare una Carta dei principi della governance (pianificazione, progettazione e monitoraggio) della Fattoria Globale. Questo documento vuole porre alcuni limiti etici alla ricerca agronomica, esplicitando degli indicatori, che andranno periodicamente rivisti, che limitino la pressione dell’uomo sull’ambiente e misurino il livello di benessere della Terra nel corso del tempo. Lavoreremo quindi per vedere inclusi questi principi anche nella Carta di Milano”.

Per ogni continente dall’analisi delle diverse fattorie vengono selezionati particolari opere caratterizzanti uno o più elementi di compatibilità rispetto ai temi trattati. Di queste opere vengono messi in evidenza i progetti, e quindi l’agronomo o il forestale progettista, e ne viene rappresentata l’evoluzione nel tempo dell’opera e quindi del progetto.Ogni settimana per il progetto in esposizione viene promossa una ‘giornata-evento’ con presenza di testimonial di particolare interesse, il progettista agronomo o forestale che ne racconta la storia e la proiezione del futuro. Per ogni continente si ‘estraggono’ 4 tipologie rappresentative di farm (ognuna per ogni indirizzo produttivo: coltivazione erbacea, coltivazione arborea, coltivazione forestale, allevamento zootecnico, trasformazione dei prodotti, produzione di energia, diversificazione, agroturismo, agro-naturalismo, agro-paesaggismo, filiere).

Previste visite programmate su prenotazione che comprendono le attività dimostrative sul tema della giornata, il tour tematico del padiglione con il relativo kit di visita visite ad altri padiglioni Expo accompagnati da due agronomi e forestali professionisti. Oltre al Padiglione Fattoria Globale 2.0, all’interno di Expo 2015 sarà possibile seguire le attività di WaaforExpo2015 e il calendario degli eventi in programma attraverso il sito internet http://expo.worldagronomistsassociation.org/ e i profili social del Conaf su Twitter (@_conaf), Facebook (Conaf Consiglio nazionale) e Instagram (conaf).

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie