Expo: presentate nello spazio Cia del Biodiversity Park “Le Giornate toscane dell’Agriturismo”

Presentate oggi a Expo 2015 Milano “Le Giornate toscane dell’Agriturismo” organizzate dalla Cia Toscana, che si terranno nell’ultima settimana di settembre in tutta la regione. La Toscana, con oltre 4.100 strutture, è la prima regione agrituristica italiana: un settore che vede in prima fila i giovani, le donne, innovazione e multifunzionalità. Simbolo di un’agricoltura moderna che guarda al futuro con professionalità e qualità.

Porte aperte in tutti gli agriturismi toscani di Turismo Verde-Cia: “Le Giornate toscane dell’Agriturismo -ha illustrato Anna Maria Dini, coordinatrice Cia Toscana in Expo- saranno precedute da un evento che si terrà alla metà di settembre nel centro storico di Firenze, dove gli agriturismi di Turismo Verde presenteranno le loro offerte, le loro attività e produzioni. Ci saranno laboratori per adulti e bambini (fare il formaggio, il pane, la pasta), degustazioni di prodotti tipici di qualità. Si potrà quindi avere un assaggio -ha aggiunto- di ciò che un soggiorno in agriturismo può rappresentare: ambienti naturali, contatto con gli animali, conoscenza delle tradizioni, cibi genuini, vita a contatto con gli agricoltori. Si potrà insomma vivere l’emozione di ‘diventare agricoltore per un giorno’ in città, per poi vivere direttamente l’esperienza e una vacanza in agriturismo”.

Offerta variegata e multifunzionale, in paesaggi unici al mondo che vanno dalla collina alla costa tirrenica fino alle montagne appenniniche. Le attività in agriturismo sono per tutti i gusti: poter partecipare alla vendemmia o alla raccolta delle olive fino ai corsi di cucina, imparare a fare il formaggio guidati da un casaro; e poi escursioni a cavallo fino alle degustazioni di vini, formaggi, oli extravergine. “L’agriturismo è un settore fondamentale per l’economia agricola della nostra regione -ha sottolineato Giordano Pascucci, direttore Cia Toscana-; la Cia è da sempre in prima linea in questo ambito. L’agriturismo è il futuro della nostra agricoltura e il futuro dei giovani imprenditori agricoli, che possono differenziare le produzioni e quindi il reddito della loro azienda agricola”.

“I nostri agriturismi -conclude Alessio Guazzini, presidente di Turismo Verde Toscana- sono un esempio positivo e un modello in Italia e nel mondo di turismo rurale sostenibile. Rappresentano il fiore all’occhiello dell’agricoltura toscana, la multifunzionalità, la tipicità delle produzioni”.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie