Il Polline favorisce la condensazione delle nuvole e le piogge

Un importante studio pubblicato su Geophysical Research Letters e condotto dalle università del Michigan e del Texas ha rivelato che il polline aumenta la quantità delle piogge ed influenza così non solo il clima del pianeta ma anche il ciclo di crescita delle piante. Le microspore che cositutiscono i granellini di polline, a causa dell’umidità si scompongono in particelle ancora più piccole, in questa cnodizione fungono da nuclei per la condensazione delle nubi e svolgono dunque un ruolo centrale in quella che in gergo viene chiamata “semina delle nuvole”.

Tramite questo studio è risultato evidente il legame che c’è tra piante, atmosfera e cambiamenti climatici. Come piega Allison Steiner,docente dell’Università del Michigan: “Si pensava che i granuli fossero troppo grandi per svolgere un ruolo nel sistema climatico, per formare nuvole o interagire con le radiazioni solari”. Dai dati raccolti si è notato che l’umidità può scomporre il polline, e come dice Steiner: “Quando il polline si bagna può rompersi facilmente in pochi secondi o minuti e creare molte particelle più piccole che possono fungere da nuclei di condensazione per le nuvole”.

Al fine di effettuare i test necessari, il team ha studiato il comportamento di diverse tipologie di pollini di piante differenti. Lo hanno bagnato e poi inserito in un atomizzatore, poi hanno spruzzato le particelle in una camera a nebbia, utilizzata per studiare la formazione delle nuvole: i granelli che avevano una dimensione di 20-50 micrometri si erano ridotti a grandezze nanometriche in grado di portare alla formazione di nubi.

Adesso il prossimo step sarà quello di studiare quali altri legamo sussistono tra tra gli alberi e l’atmosfera. Steiner infatti ha dichiarato: “E’ possibile che quando le piante producono il polline, che crea le nuvole, queste a loro volta formano la pioggia che alimenta le piante stesse influenzandone l’intero ciclo di crescita”. Gli scienziati sottolineano anche l’importanza di studiare l’effetto del polline nella formazione delle nubi soprattutto alla luce dei cambiamenti climatici: “E’ molto importante capire quale impatto abbiano sulle nubi gli aerosol, e il polline come aerosol naturale” ha concluso lo studioso.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie