L’auto del futuro sarà Made in Italy, Lcv Capital Management esporta la tecnologia della Silicon Valley

Lcv Capital Management esporta la tecnologia della Silicon Valley  per produrre in Italia, l’auto del futuro. L’auto sarà Made in Italy: gli stabilimenti ex Isotta Fraschini di Gioia Tauro sono stati individuati per le attività di assemblaggio della vettura, per il suo potenziale strutturale e logistico. L’ex fabbrica infatti si trova a pochi metri dal terminal container, collegato con cinque continenti, ed è inserita in una delle zone franche di tipo 2 sul territorio europeo.

Una vettura in materiali compositi (70% polipropilene, 20% fibre di vetro, 10% microsfere di vetro, più leggera e dai consumi più contenuti, destinata al segmento di mercato C, potrebbe essere in vendita tra 16 mesi. I prototipi del modello, spiegano gli americani, che in Italia saranno assistito dallo Studio Cisnetto,avrebbero già effettuato test negli Stati Uniti mostrando un consumo medio è di 45 miglia per gallone, pari a circa 19/20 chilometri a litro nella prima versione, quella a benzina, che dovrebbero diventare circa 25 per quella a motore diesel.

Nei giorni scorsi gli americani avevano presentato il loro progetto a Bari, alla presenza dei presidenti delle Regioni Puglia e Calabria, Nichi Vendola e Mario Oliverio, ipotizzando un investimento di 120 milioni di euro con ricadute occupazionali tra le 700 e le 1200 persone in 3-4 anni, con nuove assunzioni e il riassorbimento dei dipendenti dell’ex Om, di Modugno (Bari), dove si potrebbe insediare una produzione di componentistica, in grado di riassorbire gli ex dipendenti dell’impianto, e di lavoratori in mobilità dell’area portuale calabrese.

Per il momento Lcv ha costituito una società di diritto italiano allo scopo di poter operare nel nostro Paese. Inoltre il fondo Usa prevede di avviare quanto prima contatti con le principali università e centri di ricerca del Sud per la realizzazione di un polo di ricerca specializzato nelle tecnologie di nuova generazione per il settore automotive.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie