Accesa la più piccola lampadina al mondo, è grande quanto un atomo

Accesa la prima lampadina al grafene è grande quanto un atomo. Il rivoluzionario risultato è opera di un team di ricercatori della Columbia University di New York, coordinato da Young Duck Kim. Le nano lampadine di grafene potrebbero illuminare i futuri display super sottili, flessibili e trasparenti, e aprono la strada alle tecnologie ottiche del futuro, basate sul grafene, per trasmettere informazioni con la luce più velocemente. Più efficienti delle tecnologie ottiche attuali, potrebbero portare ad internet ultraveloce.

Gli autori sono ritornati allo stesso materiale, il carbonio, usato dallo stesso Thomas Edison, l’inventore della lampadina nei suoi primi esperimenti: “Edison – precisa il fisico Yun Daniel Park, dell’università di Seul che ha partecipato alla ricerca – all’inizio ha utilizzato il carbonio come filamento per la sua lampadina, ma ora usiamo la sua forma più pura e al suo limite della dimensione massima, solo un atomo di spessore”.

A fare la differenza, rispetto al carbonio usato da Edison, è il modo in cui il grafene conduce il calore che gli permette di raggiungere temperature elevate senza fondere gli elettrodi di metallo: quando si riscalda le alte temperature si limitano alla parte centrale e non a tutto il filamento. Per realizzare le nanolampadine, i ricercatori hanno attaccato strisce di grafene a elettrodi metallici. Ai fogli è stata applicata una corrente elettrica che li ha fatti riscaldare: hanno raggiunto temperature superiori ai 2.500 gradi (circa la metà della temperatura del Sole), che li hanno fatto brillare così intensamente che la luce emessa è visibile ad occhio nudo. L’idea brillante, spiega Bonaccorso, è che i fogli sono staccati dal substrato di silicio sul quale è stato depositato il grafene, e risultano sospesi fra i due elettrodi: questo riduce di 100 volte la propagazione di calore del foglio di grafene e lo concentra nella parte centrale, con il risultato che la temperatura diventa così elevata in quel punto che il materiale emette luce.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie