Entro il 2045 le Hawaii faranno uso di sole energie rinnovabili

Entro il 2045 le Hawaii faranno uso solamente di energie rinnovabili. Il governatore, David Ige, ha infatti firmato la legge attraverso la quale le Hawaii saranno il 50° Paese che punterà ad una totale riorganizzazione del mix energetico. Una scelta questa dovuta al fatto che, l’aumento del livello dei mari ha portato le acque a lambire già oggi le fondamenta degli alberghi lungo Waikiki Beach: una prova inconfutabile, che ha una sola conclusione: agire. Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti: il governo spende milioni ogni anno per affrontare l’impatto di un calo delle piogge e l’aumento di tempeste. Ma non è tutto, a causa dell’erosione costiera, causata dall’innalzamento delle acque oceaniche, ha reso necessari costosi rifornimenti di sabbia per ricostituire la Waikiki Beach, che oggi è totalmente artificiale. Perdere quella spiaggia significherebbe dire addio a 2 miliardi di dollari l’anno.

Eppure più di ogni altro stato americano le Hawaii si sono affidate all’uso di combustibili fossili, infatti fino a 10 anni fa, esse erano il 90 per cento del totale, e il prezzo dell’energia era tre volte la media nazionale, ripercuotendosi sul costo della vita. Ecco perchè le Hawaii non sono state a guardare, ma hanno raddoppiato la produzione di energia rinnovabile, stimolando l’economia e consentendo ai consumatori di risparmiare centinaia di milioni di dollari. La sostituzione dei combustibili fossili con le energie rinnovabili ha portato risparmi per circa 150 dollari a famiglia nel 2012.

Attualmente, una abitazione su otto ha pannelli solari montati sul tetto che generano energia ben più bassi rispetto al passato. Le utilities locali stimano che il numero potrebbe essere triplicato in sicurezza, riducendo al contempo le bollette elettriche di un altro 20 per cento. Con le nuove tecnologie di stoccaggio, attese per il prossimo futuro, l’energia da fotovoltaico ed eolico potrà essere anche accumulata e utilizzata in un secondo momento.
Fonte Rinnovabili.it

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie