Guerriere del Sole: le donne Masai portano il fotovoltaico nei villaggi del Kenya

Camminano per chilometri con un obiettivo: portare la luce nei villaggi più poveri del Kanya: sono le guerriere del sole, donne appartenenti alla tribù Masai che portano pannelli fotovoltaici per illuminare le abitazioni della contea di Naiputa. Un progetto questo, intrapreso da Green Energy Africa che ha dato così la possibilità a 2.000 famiglie di usufruire dell’energia solare con vantaggio economico e ambientale.

Prima della diffusione dei pannelli fotovoltaici, per riscaldare e illuminare i villaggi venivano usati falò o kerosene, ma con svantaggi sia dal punto di vista della salute per gli abitanti che dell’ambiente. Ma grazie alle donne Masai e al loro lungo cammino la situazione è cambiata in meglio. L’intento del Women Entrepreneurship in Renewable Energy Project è quello di “promuovere la partecipazione inclusiva delle donne e dei giovani nello sviluppo attraverso l’energia solare”, portando l’elettricità nelle zone povere di Kajiado e Makueni.

Green Energy Africa vende alle donne Masai pannelli solari portatili, lampade e piccole batterie ricaricabili a prezzi contenuti. Esse da parte loro, vendono questi prodotti al prezzo di 300 scellini (pari a circa 3 dollari) ciascuno. Il ricavato viene destinato alle casse comuni del gruppo per acquistare altro materiale solare. Dopo aver imparato come si installano i pannelli, le donne si mettono così in groppa agli asini e trasportano il fotovoltaico di casa in casa, donando per la prima volta alle famiglie di quelle zone accesso all’acqua pulita e all’energia.

A distanza di un anno dall’inizio del progetto i dati rivelano un gran successo dell’iniziativa: l’utilizzo dell’energia solare è passato dallo 0 al 20%. Le applicazioni del fotovoltaico hanno cambiato la vita degli abitanti dei villaggi, che ora possono controllare il bestiame o leggere all’interno delle abitazioni senza ricorrere alla combustione.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie