I telefonini superano gli esseri umani: 7,2 miliardi di linee telefoniche è l’era del Networked Society

Più telefonini che essere umani, alla fine del 2016 ci saranno nel mondo 7,2 miliardi di linee telefoniche mobili contro 7 miliardi di abitanti sul pianeta. È quella che Ericsson, colosso della telefonia mobile, chiama la Networked Society: una società iperconnessa, e che proprio grazie a questo potrà realizzarsi più velocemente e al meglio del proprio potenziale, creando e realizzando opportunità di lavoro prima solo immaginate e un futuro decisamente più sostenibile. Sembra un mondo futuristico invece è la realtà o lo sarà nel giro di qualche tempo.

Del resto, che le nuove tecnologie abbiamo rivoluzionato la nostra vita è ormai assodato e lo ha dimostrato il convegno We are all change makers organizzato da Ericsson: siamo tutti artefici del cambiamento. Anche il nostro Paese è sempre più digitale, secondo lo studio Gli italiani e la società connessa condotto proprio da Ericsson in collaborazioen con l’università LUISS Guido Carli: gli Italiani ripongono molta fiducia nella tecnologia e nella Networked society: servizi pubblici (31%), istruzione (29%) e sanità (27%) sono i tre ambiti che più degli altri, potrebbero beneficiare degli effetti positivi della digitalizzazione.

“Ora che la mobilità, la banda larga e il cloud si stanno rapidamente diffondendo in tutto il mondo siamo di fronte ad un momento di profonda trasformazione,” osserva anche Nunzio Mirtillo, amministratore delegato di Ericsson in Italia e Presidente della Regione Mediterranea dell’azienda svedese. E il prossimo passo sarà il 5G, la tecnologia di trasmissione dati superveloce che già sta uscendo dalla fase di sperimentazione: consentirà di scambiare più informazioni in meno tempo, e con tempi di risposta ridottissimi; per gli utenti normali vorrà dire che non si vedranno più clessidre e rotelline che girano in attesa di un video, per l’industria e per la società in genere mille altre applicazioni possibili dal telelavoro alla medicina a distanza, dalla didattica alla realtà virtuale.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie