Infertilità nelle donne: lo stress raddoppia il rischio, la fertilità si riduce del 30%

Ad aumentare il rischio di infertilità nelle donne c’è lo stress, la malattia del terzo millennio. Lo ha dimostrato uno studio condotto dall’Ohio State University in Michigan e Texas, su 501 coppie e poi presentato a Lisbona durante il congresso della Società europea di riproduzione ed embriologia (Eshire). Dai dati è emerso che nelle donne in cui l’enzima alfa-amilasi è alto, la fertilità si riduce del 30%.

Lo studio ha seguito le coppie per 12 mesi, periodo in cui queste ultime hanno cercato di concepire. Grazie all’analisi di due marker dello stress presenti nella saliva, sono stati analizzati i livelli di cortisolo e alfa-amilasi, oltre al consumo di alcool, caffeina e sigarette. I risultati sono stati poi pubblicati sulla rivista Human Reproduction. Delle 401 donne che hanno portato a termine lo studio, l’87% è rimasto incinta.

Dai test è risultato che quelle che avevano i livelli di enzima alfa-amilasi più alti, avevano una riduzione della fertilità pari al 30% che, come spiegato nello studio significa il doppio del rischio di infertilità. Non vi sono legami invece con il cortisolo.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie