L’automobile impedirà da sola l’avviamento del motore a chi è ubriaco

La NHTSA ha presentato un prototipo di automobile munita del nuovo Driver Alcohol Detection System for Safety (DADSS), una tecnologia che include un etilometro montato al volante e un pulsante di accensione del motore che legge i livelli di alcool nel sangue mediante una luce infrarossa. Entrambi i sistemi operano in modo passivo, misurando i livelli di alcool anche dal solo normale respiro del conducente, oltre che dal semplice tenere il volante.

Se il sistema rivela una quantità eccessiva di alcool nel sangue, impedisce DADSS (Driver Alcohol Detection System for Safety) . Gli Stati Uniti, per il momento, non sono intenzionati a rendere questa nuova tecnologia obbligatoria, ma la NHTSA prevede che possa diventare un’opzione disponibile per le auto di nuova produzione già nei prossimi cinque anni. Il sistema sarà inizialmente testato su veicoli prototipo governativi e si prevede che, inizialmente, potrebbe trovare una applicazione più rapida sui veicoli commerciali.

Il programma è stato avviato nel 2008 dall’Ente americano per la sicurezza National Highway Traffic Safety Administration in collaborazione con 17 costruttori di automobili. Il controllo del tasso di alcol viene effettuato tramite un sensore agli infrarossi che ‘penetra’ la pelle del conducente e che rileva la concentrazione nel sangue del soggetto. Il dato viene interfacciato con altre rilevazioni, come quelle relative all’esame dell’aria all’interno dell’abitacolo, una funzione questa che consente al DADSS di rilevare la presenza a bordo di altre persone non sobrie. La taratura messa a punto in base ai capitolati della NHTSA fa scattare l’allarme (e il blocco dell’auto) quando il tasso alcol emico supera lo 0,08%, valore limite negli Usa ma è evidente che il sistema potrebbe essere utilizzato anche in altri Paesi in cui sono in vigore limiti differenti. Nei soli Stati Uniti ogni anno sono 10mila le vittime di incidenti stradali attribuibili all’eccesso di sostanze alcoliche.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie