Smaltire un’auto incidentata nel rispetto dell’ambiente e senza sprechi

Lo smaltimento delle auto incidentate viene spesso visto come un fardello, un qualcosa di scomodo o per dirla in termini spicci una vera e propria seccatura. Effettivamente per rottamare la propria auto è necessario far fronte ad una serie di obblighi burocratici che richiedono del tempo, ma l’importanza di un corretto smaltimento senza sprechi è fondamentale per la salvaguardia dell’ambiente.

Grazie ai numerosi incentivi proposti dalle tante case automobilistiche è possibile usufruire di forti sconti nel caso in cui si fosse interessati all’acquisto di una vettura nuova, in caso contrario è sufficiente rivolgersi presso un autodemolizioni e seguire la procedura standard. Esistono però alcune situazione particolari nei quali occorre prestare un pizzico di attenzione in più. Prendiamo ad esempio un veicolo da demolire con fermo amministrativo: prima di tutto è necessario pagare le somme dovute al PRA per levare il fermo e solo successivamente fare richiesta di “cessazione della circolazione per demolizione “.

Quando si decide di demolire il proprio veicolo è indispensabile consegnare le targhe – sia quella anteriore che quella posteriore – oltre ovviamente alla carta di circolazione e il certificato di proprietà. Se uno di questi documenti fosse stato rubato, si può ovviare al problema presentando la denuncia inoltrata agli organi di Pubblica Sicurezza. Una volta effettuate le procedure di rito bisogna assicurarsi di farsi rilasciare il certificato di rottamazione, un documento che esonera il proprietario da qualsiasi responsabilità civile, amministrativa e penale a partire dalla data di consegna.

I costi standard per la rottamazione di un’automobile si aggirano attorno ai 30/40 totali e vengono ripartiti in questo modo: 7,44€ comprendono la quota ACI e 29,24€ riguardano l’imposta di bollo. Se la domanda di rottamazione è associata al modello NP3B invece di essere seguita dal Certificato di Proprietà, il costo del ollo sale a 43,86€.

Il modello NP3B è un documento che dovrà essere compilato dal proprietario del mezzo o da chi ne fa le veci, ed è necessario compilarlo e consegnarlo quando si esporta il mezzo per la sua effettiva radiazione, avendo cura di indicare tutti i dati dell’intestatario al PRA, mentre alla voce “Altri Dati” occorrerà indicare se il veicolo in questione verrà o meno esportato in un paese appartenente alla Comunità Europea.

E’ inoltre possibile vendere la propria auto incidentata rivolgendosi a portali specializzati, attraverso il quale si potranno vagliare le offerte senza la necessità di doversi recare personalmente presso una concessionaria.

Uno dei problemi che affliggono la maggior parte dei proprietari intenzionati a rottamare la propria vettura riguarda l’assicurazione Rca. Infatti capita spesso che questa sia ancora valida al momento della rottamazione: per risparmiare i mesi nei quali l’assicurazione resta in vigore è sufficiente rivolgersi alla compagnia specificando le ragioni. L’assicurazione provvederà quindi ad effettuare un rimborso spostando i mesi di validità su un altro mezzo intestato allo stesso proprietario o a qualche altro componente del nucleo familiare.

Infine esiste anche la possibilità di riparare il veicolo incidentato invece di procedere alla rottamazione, nel caso i danni non superino una soglia tale da rendere più conveniente l’acquisto di una nuova vettura. In questo caso però, occorre informarsi per bene, dal momento che le sorprese potrebbero essere dietro l’angolo, per questa ragione si compila un modulo di “ordine di riparazione” stipulato tra il proprietario e l’addetto ai lavori.

Nel suddetto vengono riportati tutti i dati necessari e utili ai fini dell’intervento, e ogni richiesta del cliente dovrà essere messa nero su bianco per poi venire sottoscritta da ambo le parti. L’addetto ai lavori dal canto suo deve essere in grado di fornire una stima precisa riguardo le tempistiche di lavorazione, le risorse umane impiegate e l’organizzazione delle fasi di lavorazione, che si concludono con la verniciatura e finitura del veicolo interessato.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie