Troppo piombo nella pasta, in India Nestlè costretta a distuggere 27mila tonnellate di prodotto

In India la Nestlé, il colosso dell’alimentare, si è vista costretta a distruggere dal commercio i noodle ‘Maggi’ (noodle) , un tipo di pasta a cottura istantane, per un equivalente di 27.000 tonnellate di prodotto del valore di quasi 45 milioni di euro, dopo che l’Authority per la sicurezza e gli standard alimentari indiana (Fssai) ne ha proibito il consumo a causa di presenza eccessiva di piombo e glutammato monosodico. Lo ha reso noto la compagnia in un comunicato diffuso a New Delhi.

Nestlé ha ribadito che i suoi prodotti non sono pericolosi, ma la pressione dei media indiani l’ha costretta a togliere dagli scaffali dei supermercati l’equivalente dei nostri spaghetti. Il prodotto, venduto all’equivalente di 20 centesimi di dollaro per porzione, contribuisce poco agli enormi guadagni del gigante dell’alimentare, che ha entrate per circa 98,6 miliardi di dollari.

Nel comunicato diffuso ore fa, la compagna basata in Svizzera conferma che “come annunciato stiamo ritirando gli spaghettini Maggi dal mercato ed avviandoli alla distruzione”. La stima di un valore di 3,2 miliardi di rupie (44,4 milioni di euro) della merce da distruggere, si aggiunge, “e’ approssimativa perche’ non include i costi di ritiro degli stock dal mercato, del loro trasporto nei centri di eliminazione, e della eliminazione stessa”. Secondo il quotidiano economico Mint, ci vorranno circa 40 giorni per portare a termine la distruzione delle 27.420 tonnellate di prodotto, con l’utilizzazione di 10.000 autocarri per ritirare in circa quattro milioni di scatoloni gli spaghettini da 3,5 milioni di rivendite in un Paese che ha una superficie di quasi 3,3 milioni di chilometri quadrati. Si e’ appreso che la compagnia ha scelto per distruggere il prodotto sei impianti per la produzione di cemento dislocati in vari Stati indiani.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie