Venezuela: tribù protestano contro i minatori illegali, stanno distruggendo le loro vite e terre

In Venezuela, gli Indiani hanno bloccato la pista d’atterraggio del Parco Nazionale di Canaima, sito dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, per protestare contro i minatori illegali che stanno distruggendo le loro vite e le loro terre.

Nell’ultimo decennio i cercatori illegali di oro, diamanti e altri minerali – in parte controllati da bande armate che si identificano come membri dell’organizzazione guerrigliera colombiana FARC – si sono diffusi a macchia d’olio per tutta l’Amazzonia venezuelana, danneggiando tribù come gli Yanomami, gli Hoti, gli Eñepa, gli Yekuana e gli Arekuna. “Le attività minerarie sono un grande problema nei nostri territori” ha dichiarato un portavoce Arekuna a Survival International, il movimento mondiale per i diritti dei popoli indigeni. “I minatori estraggono le ricchezze del nostro territorio, la terra ci sta chiedendo aiuto. A causa delle attività minerarie, i nostri fiumi si stanno prosciugando. Dobbiamo prenderci cura della natura; se non lo faremo, tutto il pianeta ne soffrirà.”

I fiumi sono contaminati dal mercurio utilizzato per estrarre l’oro: questo metallo velenoso entra nel cibo e nelle risorse idriche degli Indiani, devastando la loro salute. Le bande, inoltre, si sono infiltrate in alcune comunità indigene e hanno portato prostituzione e alcolismo. Uno studio ha rilevato che la maggior parte delle donne indigene che vivono lungo il fiume Caura, in Amazzonia, ha livelli di mercurio superiori al limite stabilito dagli standard internazionali, e che un terzo delle donne corre il rischio di dare alla luce bambini con malattie neurologiche.

Gli Indiani hanno criticato duramente l’esercito venezuelano per la sua inerzia nel contrastare l’estrazione illegale e per aver creato un “clima di terrore e paura”. È noto inoltre che alcuni ufficiali sono coinvolti nel traffico illegale di oro. Sebbene la costituzione venezuelana sancisca il diritto indigeno alla terra ancestrale, pochi popoli si sono visti riconoscere la proprietà dei loro territori e il governo ha annunciato che aprirà vaste aree della foresta amazzonica – compresi territori indigeni – alle attività estrattive. I popoli indigeni sono i migliori conservazionisti e guardiani del mondo naturale, ma le società industrializzate li derubano di terre, risorse e forza lavoro nel nome del ‘progresso’ e della ‘civilizzazione’

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie