Agras Delic parte attiva del nuovo progetto di riforestazione in Cambogia

Agras Delic, la storica azienda leader nel settore Pet food, dopo aver contribuito in questi anni alla realizzazione di un progetto di forestazione in Italia, per compensare il 100% delle emissioni di anidride carbonica generate dalla produzione dei cartoncini che rivestono le lattine, prosegue, con il suo marchio Schesir, nella collaborazione con AzzeroCO2, attraverso l’adesione al progetto Sustainable Green Fuel Enterprise (SGFE) in Cambogia.

Compensare, come spiega AzzeroCO2, significa bilanciare la quantità di CO2 generata da una qualsiasi attività, attraverso interventi di forestazione in grado di assorbirla, oppure impiegando fonti rinnovabili che evitino di produrla. I progetti di compensazione, se opportunamente realizzati e certificati, generano crediti di CO2 che vengono venduti sul mercato volontario. Chi vuole compensare le emissioni può acquistare questi crediti e in questo modo co-finanziare gli interventi con la garanzia che ogni credito acquistato corrisponda a una tonnellata assorbita o evitata.

Il progetto in Cambogia è stato realizzato da un ingegnere italiano che produce carbonella eco-friendly, riciclando rifiuti urbani organici di biomassa (per esempio gusci di noce di cocco). Rispetto alla carbonella tradizionale, quella SFGE, oltre ad essere una forma di energia rinnovabile, offre alla popolazione locale un combustibile più sano, più sicuro ed efficiente. Questo sistema garantisce una minore deforestazione, implicita al calo dell’uso del legno come combustibile da parte della popolazione.

Una realtà, quella di AGRAS DELIC, sempre più impegnata in un ruolo di ‘green company’ proteggendo l’ambiente per le future generazioni, attraverso un crescente numero di azioni: concrete, trasparenti e facilmente identificabili dal consumatore come quest’ultima, ma anche attraverso un’attenzione crescente all’eco-sostenibilità in generale, per esempio utilizzando un packaging che viene realizzato con carta riciclata e, ove non fosse possibile, con materiali riciclabili.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie