Il futuro del fotovoltaico: pannelli ispirati alle piante

Gli attuali pannelli fotovoltaici che vengono installati sui tetti delle abitazioni sono capaci di immagazzinare energia solamente per pochi microsecondi. Ma il futuro ci riserva una innovazione, perchè i pannelli del futuro saranno in grado di trattenere l’energia per alcune settimane. Si tratta di una nuova tecnologia messa a punto da un team di scienziati dell’Università della California di Los Angeles che si ispira alle piante: un meccanismo simile alla fotosintesi clorofilliana.

Sarah Tolbert, autrice dello studio pubblicato sulla rivista Science spiega: “Le piante creano energia dai raggi del sole attraverso la fotosintesi in un modo estremamente efficiente. Nella fotosintesi le piante usano strutture accuratamente organizzate nelle loro cellule per separare le cariche elettriche negative da quelle positive, e questa separazione è la chiave di tanta efficienza”.

Le celle solari plastiche, che, rispetto a quelle in silicio sono decisamente più economiche sono scarsamente efficienti in quanto le cariche positive e negative che vengono separate si ricombinano prima che possano generare energia elettrica. Invece, nella nuova tecnologia è presente una struttura che “consente di mantenere le cariche separate per giorni, o anche settimane, migliorando notevolmente l’immagazzinamento di energia”. Il prossimo step dei ricercatori sarà quello di incorporare la nuova tecnologia nelle celle solari, in modo da poterla portare sui tetti.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie