Nascere in estate può incrementare il rischio di sviluppare la celiachia

Vi è un maggiore rischio di sviluppare la celiachia se si nasce di estate. E’ un dato molto particolare quello che emerge da uno studio condotto dai ricercatori dell’Ospedale Bambin Gesù e condotto insieme all’Università di Bari, pubblicato sulla rivista di settore European Journal of Pediatrics. L’età in cui introducono nella loro alimentazione il glutine infatti, coincide con il periodo dell’anno in cui si ha una maggior diffusione del Rotavirus, responsabile più comune delle gastroenteriti e collegato al rischio di sviluppare l’intolleranza alla proteina contenuta in grano, orzo, segale e avena, che colpisce circa l’1% dei bimbi italiani.

I ricercatori hanno preso in considerazione il periodo dell’anno in cui sono nati i bambini tra il 2003 e il 2010 afferenti ai due centri e che poi hanno sviluppato la celiachia, malattia auto-immune dell’intestino tenue che può portare diarrea cronica e ritardo della crescita. La stagione di nascita dei celiaci è stata confrontata con quella di soggetti non affetti nati a Roma e Bari negli stessi anni (439.990 bambini). Il risultato ha mostrato una prevalenza del numero delle nascite di pazienti celiaci tra luglio e agosto (28,2%) rispetto al gruppo di riferimento (23%).

Antonella Diamanti, gastroenterologa e responsabile della Nutrizione Artificiale del Bambino Gesù – spiega –  “Il possibile collegamento tra stagione di nascita e sviluppo della malattia  potrebbe essere rappresentato dalla concomitanza tra la prima introduzione del glutine (consigliata dai pediatri in genere a 6 mesi, cioé tra novembre e gennaio nei nati in estate) con il periodo di maggiore esposizione ad infezioni gastrointestinali acute da Rotavirus”. Quest’ultimo, infatti, “si manifesta con più frequenza tra la fine dell’inverno e l’inizio della primavera”, conclude l’esperta, “e alcuni studi epidemiologici hanno evidenziato che un alto tasso di infezioni da Rotavirus può incrementare il rischio di sviluppare la celiachia in soggetti geneticamente predisposti”.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie