Wize Mirror, lo specchio magico che diagnostica la nostra salute

Uno specchio magico sarebbe in grado di diagnosticare il nostro stato di salute. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Biosystems Engi. ‘Wize Mirror’, sviluppato da un consorzio di ricercatori e partner industriali provenienti da 7 diversi Paesi dell’Ue, con finanziamenti europei. Il progetto ‘Semeoticons’ coordinato da Sara Colantonio, ricercatrice dell’Istituto di scienza e tecnologie dell’informazione del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) a Pisa. Il sistema si presenta proprio come uno specchio, ma incorpora uno scanner 3D, fotocamere multispettrali e sensori di gas per valutare la salute di chi viene riflesso.

“E’ uno specchio a tutti gli effetti – racconta Colantonio all’Adnkronos Salute – con telecamere e sensori di profondità simili a quelli che vengono usati nelle console dei videogame. E il nostro obiettivo è che in futuro ogni persona ne possa avere uno in casa”.

Lo ‘specchio magico’, infatti – come riporta anche la rivista ‘Biosystems Engineering’, su cui il lavoro è stato pubblicato – esamina il volto, il tessuto cutaneo, adiposo, le espressioni facciali e anche il colorito. Il software di riconoscimento facciale, in particolare, individua marcatori rivelatori di stress o ansia, mentre i sensori di gas analizzano il respiro dell’utente alla ricerca di composti che indichino l’abuso di alcol o l’abitudine al fumo. Gli scanner 3D analizzano la forma del viso per studiare il peso della persona, mentre le telecamere multispettrali sono in grado di stimare i livelli di frequenza cardiaca e dell’emoglobina. Dopo che il software ha analizzato tutti gli elementi – un’operazione che richiede solo pochi istanti – lo specchio calcola un punteggio che indica il livello di salute dell’utente, oltre a consigli personalizzati su come migliorare il proprio stato di benessere.

“Grazie ai sensori acquisiamo immagini, video e scansioni in 3 D che vengono poi valutati per cercare segnali di rischio cardio-metabolico – prosegue l’esperta – come il colesterolo (dalla pelle) e la presenza di alcune sostanze legate alla glicazione. Tutti elementi che possono poi essere controllati nel tempo, sempre grazie allo specchio. Il primo prototipo non potrà avere un costo accessibile a tutti, per cui pensiamo di riservarlo a farmacie, palestre o centri benessere. Ma, quando la produzione aumenterà, il sogno è di farlo entrare nelle case di tutti gli italiani” attenti alla loro salute.

Gli studi clinici del dispositivo inizieranno il prossimo anno in tre siti in Francia (Lione) e in Italia (Pisa e Milano), con l’obiettivo di confrontare i risultati ottenuti dal ‘Wize Mirror’ con quelli di dispositivi diagnostici medici tradizionali. “La prevenzione è l’approccio più praticabile per ridurre l’onere socioeconomico delle malattie croniche come quelle cardiovascolari e metaboliche”, concludono gli autori.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie