Via libera al Viagra rosa, farmaco Usa contro i disturbi del desiderio femminile

Negli Usa via libera della FDA per la commercializzazione del Viagra rosa, la pillola che agisce sul desiderio sessuale femminile. La nuova soluzione si chiama così “flibanserin”, un farmaco che non agisce sul corpo ma sulla mente. Per molte donne il problema non è fisico ma psicologico.

A differenza del Viagra e delle altre pillole maschili, che puntano invece a risolvere problemi di erezione, questo medicinale migliorerà la vita sessuale delle donne e colmerà il gap di prodotti mirati alla sfera intima a disposizione dell’altra metà del cielo. E’ un medicinale chiamato filibanserina che si prende prima di andare a letto e agisce a livello cerebrale sui neurotrasmettitori legati all’eccitazione, alzando i livelli di dopamina e serotonina.

“Questo via libera offre alle donne che soffrono per il loro basso desiderio sessuale un’opzione di cura approvata”, ha commentato Janet Woodcook, direttrice del centro di valutazione e ricerca sui medicinali (Cder) della Food and Drug Administration. “I pazienti devono rendersi conto pienamente dei rischi associati all’utilizzo di Addyi prima di prendere in considerazione il trattamento”, ha tuttavia avvertito la Woodcook indicando tra i possibili effetti collaterali l’abbassamento della pressione e la perdita di coscienza.

Originariamente prodotta dalla tedesca Boehringer Ingelheim, la controversa “pillola rosa” era stata bocciata per ben due volte dalla Fda, nel 2010 e nel 2013, prima dell’attuale approvazione legata anche alle pressioni delle lobby che hanno accusato l’autorita’ sui farmaci Usa di discriminare le donne rispetto alla possibilita’ di controllare la loro vita sessuale. “E’ stato un viaggio significativo quello che ci ha portati a questo momento memorabile”, ha esultato il Ceo della Sprouts Frarmaceuticals, Cindy Whitehead, in una nota.

Ma sul medicinale non sono mancate le critiche: per alcuni la ‘pillola rosa’ sarebbe minimamente efficace e solo la pressione delle attiviste avrebbe spinto la Fda, che già l’aveva bloccata in precedenza per ben due volte, a cambiare parere. Anche perché il prodotto potrebbe causare effetti collaterali come pressione bassa, svenimenti, nausea e sonnolenza.

L’arrivo del ‘viagra rosa’ ha suscitato reazioni contrapposte: da una parte c’e’ chi plaude alla decisione della Fda, che avrebbe cosi’ superato pregiudizi basati sul genere riconoscendo alle donne la possibilita’ di scegliere e di controllare la propria vita sessuale. D’altro canto c’e’ pero’ chi critica l’approvazione del farmaco, definito un “mediocre afrodisiaco” con effetti collaterali pericolosi che trasforma un normale calo del desiderio sessuale in una malattia, a vantaggio solo della case farmaceutiche.

Il controverso prodotto verra’ distribuito a partire dal prossimo 17 ottobre dietro prescrizione medica per donne in fase pre-menopausa cui viene diagnosticato un calo cronico del desiderio sessuale. Per i primi 18 mesi pero’ il medicinale non verra’ pubblicizzato direttamente ai consumatori, per evitare di creare troppo clamore data la natura del prodotto.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie