Non solo cibo, ma anche impegno solidale: la Cia punta sull’agricoltura sociale

L’iniziativa della Confederazione per discutere effetti e opportunità dopo l’approvazione della legge nazionale sul settore, che entra in vigore il 23 settembre: oltre 1.000 i progetti attivi, che pongono l’Italia ai primi posti dello scenario Ue. Con un valore alla produzione di circa 200 milioni di euro. Il presidente Scanavino: “Da parte nostra forte impegno sul tema. Vogliamo rafforzare il Forum dell’agricoltura sociale e promuovere progetti sul territorio partendo dai reali fabbisogni delle comunità, con il sostegno dei Psr e dei fondi Sie”. Sono intervenuti il viceministro Olivero e il relatore alla Camera della legge Fiorio.

Può cominciare dalla cura dell’orto o da un corso di panificazione il riscatto sociale e il reinserimento lavorativo di persone disabili o svantaggiate. Perché l’azienda agricola non è più sinonimo solo di cibo, campagna, paesaggio rurale: oggi vuol dire anche welfare, uno spazio solidale dove le fasce deboli della popolazione possono costruire nuove relazioni sociali, fare terapia con gli animali o con le piante, ritagliarsi un posto nuovo nel mercato del lavoro. L’approvazione definitiva della legge nazionale sull’agricoltura sociale, poco più di un mese fa, ha finalmente riconosciuto giuridicamente le tante esperienze di eccellenza, spesso volontarie e autogestite, di chi ha saputo coniugare l’imprenditorialità agricola con la responsabilità sociale. E ora diventa l’occasione per dare un forte impulso alla crescita del settore, anche con il sostegno dei Psr e dei fondi Sie. E’ quanto emerge dall’iniziativa “L’agricoltura sociale è legge: una vera opportunità per l’intera società” che la Cia-Confederazione italiana agricoltori ha organizzato oggi a Roma, presso l’Auditorium “Giuseppe Avolio”.

La buona agricoltura svolge da sempre una rilevante funzione sociale: oltre a latte, vino e frutta, produce welfare ‘rigenerativo’ -ha spiegato il presidente nazionale della Cia Dino Scanavino- dando nuova vita e nuove risorse al rapporto tra città e campagna e diventando un soggetto attivo nell’erogazione di servizi al pubblico”.

L’Italia oggi si colloca ai primi posti dello scenario europeo con oltre 1.000 progetti e pratiche di agricoltura sociale all’attivo. Tantissime aziende associate alla Cia hanno già avviato e sperimentato questo nuovo modo di fare agricoltura, promuovendo l’offerta di servizi assistenziali e occupazionali a vantaggio di soggetti deboli (portatori di handicap, tossicodipendenti, detenuti, anziani, bambini) e di aree fragili (montagne e centri isolati) in collaborazione con istituzioni pubbliche e con il vasto mondo del Terzo settore.

L’agricoltura sociale, dunque, cresce nei numeri, contando oltre 4 mila addetti su tutto il territorio nazionale e toccando un valore della produzione di 200 milioni di euro. Dati incoraggianti che ora l’approvazione della legge può solo accelerare.

“Si tratta di un’importante novità nel panorama giuridico agricolo -ha sottolineato Scanavino- che apre nuovi spazi di valorizzazione per le imprese e consolida il rapporto tra le nuove funzioni pubbliche e sociali svolte da agricoltura e cittadini. La sua approvazione è fondamentale e la Cia l’ha fortemente sostenuta, perché una legge nazionale stabilisce delle definizioni, crea un linguaggio, pone limiti, mette a punto strumenti, favorisce una strategia condivisa, orienta l’attività legislativa delle Regioni”. Ora infatti, ha continuato il presidente della Confederazione, “bisogna subito approfittare della legge nazionale per mettere a punto le leggi regionali, magari prendendo a riferimento le cose buone scritte da quelle Regioni che hanno già legiferato” nonché “sostenere i vari assessorati regionali all’Agricoltura a essere i veri protagonisti e non demandare ad altri”.

Ma con questa iniziativa, la Cia vuole anche evidenziare il suo impegno nel settore e lavorare per il rafforzamento del Forum dell’agricoltura sociale, aderendo ai diversi forum regionali e facendo aderire le proprie aziende. “Vogliamo accrescere e promuovere sul territorio la partecipazione attiva della Cia al Forum -ha evidenziato Scanavino-. Perché l’agricoltura sociale è un processo plurale, radicato nei luoghi e sulla base dei bisogni delle comunità locali. La fattoria sociale non è mai un’esperienza isolata, ma sempre un sistema territoriale che coinvolge aziende agricole, cooperative sociali, strutture sanitarie, enti locali, famiglie”.

Soprattutto la Confederazione italiana agricoltori vuole essere parte propositiva con le Regioni nella predisposizione dei Psr, nella realizzazione di programmi finalizzati allo sviluppo della multifunzionalità delle imprese agricole e basati su pratiche di progettazione integrata territoriale e di sviluppo dell’agricoltura sociale. “Vogliamo promuovere progetti in questo periodo di avvio della nuova fase di programmazione dei fondi Sie -ha aggiunto il presidente della Cia-. Uso volontariamente questa espressione: Fondi europei di investimento e sviluppo, perché l’agricoltura sociale proprio per il suo essere plurale non riguarda solo il Psr, ma anche il Fondo sociale europeo, i finanziamenti per i progetti aree interne e altro. Ora occorre costruire progetti partendo dai fabbisogni e dalle risorse specifiche delle varie aree del Paese. Sappiamo che non è facile. Le innovazioni sociali sono decisamente più difficili di quelle tecnologiche anche complesse”.

Per questo “la Cia intende avviare un programma di ‘seminari aperti’ sul territorio, momenti di informazione e approfondimento, di animazione, di interlocuzione con le amministrazioni anche per il rinnovamento normativo, ma soprattutto di creazione di esperienze concrete. Non dimenticando che l’agricoltura sociale è un’attività economica e come tale deve produrre reddito, deve essere profittevole -ha concluso Scanavino- ma che c’è altro, c’è tanto d’altro. L’agricoltura sociale accresce la reputazione del comparto ed è un ulteriore valore per la società”.

“Con questa legge abbiamo raggiunto un doppio risultato nell’interesse dell’agricoltura -ha affermato il viceministro alle Politiche agricole, Andrea Olivero, nel suo intervento- a vantaggio della multifunzionalità e del welfare del Paese”. Il punto fondamentale è che finalmente le attività svolte nell’ambito dell’agricoltura sociale vengono riconosciute attività agricole a tutti gli effetti con la cosiddetta “connessione”, godendo dello stesso regime fiscale. “La tassazione sarà la stessa senza la necessità di aprire posizioni differenti, rientrando nella normale attività agricola nella logica delle multifunzionalità -ha evidenziato Olivero -e questo aiuta moltissimo perché se si vuole aprire la propria azienda a un agri-nido, fare attività di fattoria sociale, questo diventa parte integrante dell’attività agricola, compresi gli effetti fiscali”.

“Siamo all’alba di quel fenomeno che si chiama agriturismo -ha precisato infine il deputato del Pd, Massimo Fiorio, relatore della legge alla Camera- quando l’agricoltura nel 1985 si affacciò nel settore del turismo e ora fa la stessa cosa in quello del sociale”. All’iniziativa sono intervenuti anche il portavoce del Forum nazionale dell’Agricoltura sociale Antonio Carbone, l’assessore regionale all’Agricoltura dell’Abruzzo Dino Pepe, nonché numerosi rappresentanti del mondo accademico e imprenditoriale.
condividi

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie