Sfilata cani simpatia: ecco i commoventi campioni!

Milano – Hanno sfilato come autentici campioni gli oltre 100 quattrozampe che si sono dati appuntamento al 25. Raduno Cani Simpatia organizzato al Parco Forlanini di Milano dalle associazioni Diamoci La Zampa e Gaia Animali & Ambiente. Piccoli o giganti, coloratissimi o in “bianco e nero”, adottati, acquistati o trovati per strada, tutti però con un denominatore comune: sono loro i “padroni di casa” e ricambiano coccole e attenzioni con un’incredibile dose d’affetto e dedizione. Fino al punto di accettare, per una volta, di far contenti i “bipedi” e sfilare in una gara dove pedigree, eleganza e acconciatura non contavano. Contava, infatti, solo la simpatia.

Ha commosso la storia di Bart, beagle reduce dal famigerato allevamento per la vivisezione Green Hill e ora accasato presso una splendida famiglia. Bart ha vinto il titolo di “Best in Show”, ma ben altra vittoria ha ottenuto quando è stata affidato alla famiglia Cardarelli. Premiato anche Artù, della famiglia Neroni, pure lui scampato al lager di Green Hill.

“Importante” pure la storia di Vicky, di Jennifer Lezzi, che si è aggiudicata il premio “Taglie maxi”. Era stata smaltita come rifiuto speciale in un cassonetto della monnezza del Sud Italia. Non contenti i delinquenti al cassonetto hanno pure dato fuoco. Salvata per un pelo, a causa delle esalazioni di fumi tossici Vicky aveva perso la vista, ma grazie a lunghe terapie l’ha riacquistata e può così godere ora di tutte le bellezze che il mondo offre. Stash, Perla e Gilbert, fratellini che hanno sfilato tutti in gruppo con i loro salvatori, con la loro gioia di vivere e la loro storia di cuccioli adottati dal rifugio di Diamoci La Zampa hanno “sbaragliato” la concorrenza guadagnandosi il premio “Fantasy”.

Nel corso delle prove semiserie applausi e sorrisi hanno accompagnato le esibizioni dei cani più indisciplinati, anch’essi premiati con “attestati di disobbedienza“. Tra i vincitori ci sono stati Berta, che ha ricevuto il Premio Buonanotte per aver sfilato con calma olimpica, Pablo, che al contrario ha meritato il premio Skizzo per aver sfilato velocissimo (tranne due stop per schizzare il suo “marchio”) e Ronny, che per la stazza e la simpatia si è aggiudicato il premio Panzerotto.

La manifestazione, che ha visto molti cani ricevere lezioni gratuite e consigli di mobility e problem solving giocoso grazie allo staff di educatori cinofili di La Vita a 6 zampe, ha avuto anche altri momenti commoventi. Tina, cane guida x non vedenti, da 9 anni e mezzo accompagnatrice di Silvia Zaru, ha straguadagnato il premio Fedeltà, accompagnando Silvia attraverso il percorso. Tobia, della famiglia Tricarico, con i suoi 15 anni ben portati ha fatto suo il “premio vintage”. Ma molti hanno vinto gli ambiti premi (in totale 23). Tante storie si sono incrociate domenica al Parco Forlanini. I cani partecipanti erano spesso con vicende commoventi o drammatiche alle spalle.

Tra le storie belle, anche se nate male, che hanno avuto un lieto fine grazie anche all’instancabile lavoro dei volontari che in ogni dove operano per dare “una possibilità” a queste anime, c’è quella di Chico e Chicco. Nati al porto di Salerno, randagi come migliaia di altri, erano in costante pericolo di vita. Raccolti gracilissimi da una volontaria del posto, sono arrivati a Milano da Diamoci La Zampa, che ha trovato loro finalmente una casa e una famiglia. Sono stati premiati con l’onoreficenza di “Cavalieri della terra di nessuno”, anche se ora hanno raggiunto l’happy end con l’adozione.

Si è trattato di un raduno canino divertente, senza giuria in giacca e cravatta e senza cagnetti obbligati a sfilare con eleganza e formalità: una vera e propria allegra brigata. “L’augurio è che la simpatica atmosfera abbia cementato il sentimento di rispetto per quei cani che non vantano parentele illustri o discendenze documentate, ma, al pari dei fratelli blasonati, hanno un insopprimibile istinto di fedeltà per il loro padrone”, ha sottolineato Edgar Meyer, portavoce dell’associazione Diamoci La Zampa. “La festa, occasione di gioco e divertimento, ha dato anche l’opportunità di parlare di abbandono, prevenzione del randagismo, e obbligo del microchip”, che hanno consegnato coppe e medaglie a tutti i vincitori.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie