Obesity day, giornata nazionale di sensibilizzazione nei confronti del sovrappeso e dell’obesita

Oggi 10 ottobre 2015 è la giornata dedicata alla prevenzione e al trattamento dell’obesità. Come negli anni precedenti l’ADI, Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica, organizza in tutta Italia l’Obesity Day, Campagna nazionale di sensibilizzazione su sovrappeso e salute. ‘Camminiamo insieme’ è lo slogan della quindicesima edizione.

L’edizione 2015 è stata presentata a Expo con la parola d’ordine ‘attività fisica’ perchè la giornata si pone come obiettivo quello di promuovere uno stile di vita attivo come elemento indispensabile per ottenere e mantenere un buono stato di salute.

Per raggiungere risultati ottimali, come sottolinea Adi, è sufficiente camminare a passo svelto per almeno 150 minuti a settimana.”Praticato due, tre volte a settimana, a una media intensità, l’attività fisica nei pazienti obesi o in sovrappeso è uno importante strumento terapeutico – ha sottolineato il presidente di Fondazione Adi, Giuseppe Fatati – che influenza positivamente il calo ponderale, il mantenimento del peso perduto e migliora nei pazienti diabetici il compenso glicometabolico”. Nel corso dell’Obesity Day (10 e 11 ottobre) sono in programma anche una serie di eventi sportivi come la ‘Maratona d’Italia’ a Carpi, la ‘Maratonina di Arezzo’ e la ‘Maratona di Ostia’, promossi in collaborazione con la Fidal (Federazione italiana atletica leggera).

Oltre agli eventi sportivi anche punti informazione, oltre 150 centri dietetica Adi in tutta Italia, più di 500 specialisti fra dietologi, nutrizionisti e psicologi che offriranno consulenze gratuite e quasi 2.500 questionari da compilare sullo stile di vita alimentare, per informare e sensibilizzare gli oltre 11,8 milioni di italiani in sovrappeso e i 3,6 mln di obesi.Nell’edizione 2015 l’Obesity Day vede anche il coinvolgimento dell’Ordine degli psicologi italiani che sarà presente con del materiale divulgativo sugli aspetti psicologici e su come motivare le persone ad ottenere modifiche sostanziali dello stile di vita. Tra le best practice citate, illustrati anche due progetti finanziati dal Coca-Cola Foundation in Italia. Si chiamano ‘Beat the Street” e ‘Eurobis”. Entrambi riguardano l’educazione dei ragazzi ad uno stile di vita sano, basato sull’attività fisica.

L’essere umano è una realtà complessa, soprattutto nella sua interazione mente e corpo, riflette Fulvio Giardina, presidente dell’Ordine degli psicologi italiani. “Ecco perché interventi che prevedono una logica di integrazione e collaborazione fra diversi professionisti possono rivelarsi efficaci sia nella prevenzione che nella cura all’obesità. Dal punto di vista dell’intervento clinico psicologico è importante lavorare sulla gestione degli aspetti emotivi, sul controllo dei comportamenti alimentari disfunzionali, ma anche sulla ristrutturazione di credenze irrazionali in modo da favorire uno stile comportamentale maggiormente attivo di fronte agli eventi stressanti”.

10 CONSIGLI PER VIVERE MEGLIO

Il decalogo del nutrizionista

Controlla il tuo peso almeno una volta al mese: se sei in sovrappeso diminuisci le porzioni e aumenta frutta e verdura.
Mangia ortaggi e frutta anche per i tuoi spuntini.
Svolgi attività fisica almeno 30 minuti al al giorno.
Preferisci i grassi vegetali (olio d’oliva o di semi) ed in quantità limitate.
Bevi acqua in abbondanza.
Limita l’uso del sale, preferisci le erbe aromatiche.
Varia spesso le tue scelte a tavola.
Limita il consumo di dolci o bevande dolci.
Le bevande alcoliche vanno assunte, se si desiderano, con moderatezza e mai a fronte di malattie croniche (diabete, ipertensione …)
La sicurezza del tuo cibo dipende anche da te.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie