#LOTTOANCHIO, giornata mondiale di lotta al cancro infantile

Al via la terza edizione di #Lottoanchio 2017, lanciata da Ageop ricerca onlus (associazione genitori ematologia oncologia pediatrica) in occasione della XV giornata mondiale di lotta al cancro infantile del 15 febbraio. Il simbolo della campagna sono i pugni verdi dell’Incredibile Hulk, emblema della forza che ognuno può donare a un bambino che sta combattendo contro il cancro.

“Abbiamo alzato la posta di anno in anno – spiega la presidente di Ageop, Roberta Zampa -, siamo partiti con 10.000 euro del primo anno per una famiglia, poi 20.000 euro, l’anno scorso per due famiglie, e 30.000 quest’anno. Noi siamo certissimi di raccoglierli: Bologna non ci hai mai deluso”.

Associata a un crowdfunding su Ideaginger

La campagna ha l’obiettivo di raccogliere 30 mila euro per garantire un anno di cura a tre bambini malati di tumore e offrire a loro e alle loro famiglie ospitalità nelle case Ageop. Sono tanti gli artisti che hanno scelto di sostenere con i loro spettacoli la campagna #lottoanchio. Il 21 febbraio alle 21 al teatro Itc di San Lazzaro, Mario Perrotta sarà protagonista di “Italiani cincàli”, spettacolo da lui scritto con Nicola Bonazzi all’interno del teatro dell’Argine con la regia di Paola Roscioli e dedicato all’emigrazione italiana in Belgio per lavorare nelle miniere di carbone.

Il 26 febbraio Palazzo Re Enzo sarà la cornice di una giornata dove cultura e cura si incontrano: alle 15 verrà inaugurata “Fragile geometries”, la mostra fotografica di Mauro Sini nata per raccontare un decennio di storia italiana e internazionale, alle 18 andrà in scena “Il canto degli esclusi”. Alle 19 la giornata si conclude con il concerto “Estrela guia”. I biglietti degli spettacoli solidali si possono acquistare su www.coupononlus.it. Il 5 marzo in piazza Maggiore c’è la festa che Ageop dedica ai pazienti dell’oncologia pediatrica, una manifestazione nata per creare un gemellaggio tra i bambini che vivono la città e i loro compagni in ospedale. Saranno più di 40 le attività gratuite a cui potranno partecipare.

Ogni anno in Italia circa 1380 bambini e 780 adolescenti si ammalano di tumore, pari a 164 casi per milione di bambini e 269 casi per milione di adolescenti. Questi tassi d’incidenza sono ancora relativamente elevati, se paragonati a quelli registrati negli Stati Uniti e nei paesi dell’Europa settentrionale (Pritchard-Jones et al., 2006; Kaatsch, 2010). Un dato incoraggiante è che l’aumento dell’incidenza dei tumori infantili registrato in Italia fino alla seconda metà degli anni ’90 si è arrestato. Nell’ultimo decennio l’andamento dell’incidenza di tutti i tumori maligni nei bambini (età 0-14 anni) è stazionario. Negli adolescenti (età 15-19 anni), al contrario, l’incidenza di tutti i tumori maligni è aumentata in media del 2% l’anno: soprattutto nelle femmine (+2%), per lo più linfomi di Hodgkin, mentre in entrambi i sessi si registra un aumento dei tumori della tiroide (+8%) (Pession, Rondelli, 2013).

Grazie alla ricerca biologica e clinica e all’uso di protocolli cooperativi nazionali ed internazionali sempre più efficaci, la probabilità di guarigione in oncoematologia pediatrica che negli anni ’70 era inferiore al 40% supera attualmente l’80%. Purtroppo occorre sottolineare che, mentre in alcune patologie la sopravvivenza supera il 90% dei casi, in altre i risultati sono molto inferiori: su queste occorre intensificare l’impegno e la ricerca scientifica.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie