Conserve fai da te è boom, 16 milioni di italiani al lavoro tra pentole e vasetti

E’ boom del fai da te in cucina, con 16 milioni di italiani che si mettono al lavoro tra pentole e vasetti nella preparazione di conserve fatte in casa per garantirsi una alimentazione piu’ genuina e naturale, che allunga la vita.

Nel 2017 ben un italiano adulto su tre è tornato all’autoproduzione di alcuni cibi secondo una tradizione del passato che – spiega la Coldiretti – sembrava destinata a perdersi ed è invece tornata di grande attualità di fronte alla svolta salutista e all’esigenza di portare in tavola cibi sani e genuini. Il risultato è che sempre più persone trascorrono intere giornate a recuperare il prodotto, pulirlo, lavorarlo, cucinarlo e metterlo in vaso. Una maggiore attenzione rispetto al passato viene riservata soprattutto alla scelta delle materie prime che spesso vengono acquistate direttamente dai produttori agricoli in azienda, nelle botteghe o nei mercati di Campagna Amica.

La preparazione piu’ radicata nella tradizione degli italiani – precisa la Coldiretti – è quella della trasformazione del pomodoro che prevede semplici, ma importanti operazioni come la selezione e il lavaggio accurato dei pomodori, l’asciugatura, la cottura in acqua bollente per favorire il distacco della buccia dalla polpa ed infine la spremitura, l’imbottigliamento e la sterilizzazione delle bottiglie. Non meno diffusi sono i sott’oli cioè gli ortaggi di stagione come zucchine e melanzane che vengono precedentemente lavati e scottati in acqua, aceto o vino, fatti asciugare, messi in vaso con diversi aromi e sterilizzati.

Immancabili poi tra le conserve fatte in casa – continua la Coldiretti –  sono le marmellate: una volta scelta la frutta preferita, va lavata, tagliata e lasciata a macerare con succo di limone zucchero per una notte intera prima di essere cotta a fuoco medio per una trentina di minuti in modo da farla addensare prima di metterla in vasetto e sterilizzare lo stesso. Una opportunità che consente di utilizzare frutta molto matura che, proprio per tale motivo – informa la Coldiretti – si può acquistare a cassette a prezzi convenienti. L’attività di trasformatori “fai da te”, comunque – puntualizza la Coldiretti – comporta l’osservanza di precise regole in quanto la sicurezza degli alimenti conservati parte dalla qualità e sanità dei prodotti utilizzati, ma non può prescindere da precise norme di lavorazione che valgono per il settore agroindustriale, ma che devono valere anche per i consumatori casalinghi, soprattutto nella fase della sterilizzazione.

Ma ad aiutare a stare in forma e a vivere più a lungo contribuiscono anche le ricette della cucina contadina, mostrate al Villaggio dai nonni agricoltori della Coldiretti. E’ il caso del “Riso e bisi”, incontro tra cereali e legumi per un ottimo connubio tra carboidrati e proteine. Ma ci sono anche le polpette al pomodoro, come piatto unico per unire il calcio del formaggio alle proteine della carne, la padellata di radicchio e patate per un equilibrato rapporto vitaminico con le verdure di stagione o l’immancabile macedonia che non dovrebbe mai mancare nella dieta degli anziani, compensando la ritrosia e la difficoltà che gli over 60 incontrano spesso nel bere la necessaria quantità giornaliera di acqua. Ma sulla tavola “anti-aging” – conclude la Coldiretti – non devono mai mancare neppure ingredienti noti per le loro proprietà benefiche, come spinaci, noci, nocciole, pasta e riso integrali, legumi ma anche vino rosso che contiene il resveratrolo che è un potente antiossidante.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie