Giornata degli Alberi e nel pianeta è Tree-Mania

Alberi evergreen, non è solo un modo di dire, sì perché la vita è sempre girata intorno a essi. Un tempo bisognava conoscerne le proprietà, si sapeva che gli alberi erano fornitori di cibo e anche di riparo. Tutto questo non è solo passato, ma è anche presente. Gli alberi sono al centro della vita quotidiana di milioni di persone grazie anche alle nuove tecnologie, cosi con Instagram gli hashtag #tree e #trees da soli raccolgono oltre 72,6 milioni di immagini.

E ancora nomi celebri quali Gisele Bundchen e Jared Leto amano il tree-hugging, vale a dire abbracciare gli alberi, fino all’ammissione dell’attore britannico Martin Shaw riportata recentemente sul Daily Mail, di ottenere dal contatto con gli stessi una “straordinaria energia”. Tree mania dunque, alla quale fanno anche parte il foraging , ossia l’ideazione di ricette a base di piante selvatiche da parte di chef e le app che aiutano gli amanti del tree-watching a riconoscere le diverse specie, tutto questo grazie alla campagna social “Per fare un albero ci vuole un hashtag” lanciata da Conlegno, Consorzio Servizi Legno Sughero e Legambiente.

Questa campagna ha anche un risvolto sociale ed ecologico, infatti, ogni 50 post pubblicati nella giornata del 21 novembre utilizzando l’hashtag #unalberoè, Conlegno si impegna a regalare un albero per dare vita a spazi verdi nelle zone dove occorrono di più. Questi dati sono il risultato di uno studio realizzato da Espresso Communication per Conlegno su 50 testate internazionali coinvolgendo un panel di 10 esperti dell’ambiente in occasione della Giornata Nazionale degli Alberi, finalità capire il ruolo degli alberi oggigiorno. “La tutela del patrimonio forestale è da sempre uno dei principali obiettivi del Consorzio – spiega Fausto Iaccheri, presidente di Conlegno, Consorzio Servizi Legno Sughero – che è nato con l’intento di tutelare la biodiversità, promuovendo l’utilizzo di materiali naturali in virtù di un approccio ecosostenibile.”

E’ indubbio vivere a contatto degli alberi fa bene, combatte la depressione e ancora, come riferisce uno studio dell’Università dell’Illinois pubblicato sul Telegraph chi si circonda di alberi, praticando il forest-bathing, si rilassa e riduce lo stress di oltre il 50% in più rispetto alla palestra. Non solo benessere psicofisico, ma esiste anche il foraging per chi ama il cibo e le parti commestibili delle piante e poi va di moda anche il Tree-Watching vale a dire i viaggi alla ricerca degli alberi più variopinti. In ultimo, dopo gli ultimi numerosi eventi sismici è in costante aumento l’edilizia in legno che si contrappone all’industria delle costruzioni.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie