La dieta delle mele, combatte gli attacchi di fame e depura l’organismo

I benefici delle mele sono molteplici e indubbi. Tra i tanti, le mele placano il senso di fame perché contengono molta acqua, circa l’85%, che dà un senso di sazietà apportando solo circa 45-57 calorie ogni 100 g. di frutto. Inoltre, le mele contengono la pectina, una fibra solubile che, oltre a tenere a bada il colesterolo, impedisce al corpo di assorbire gli zuccheri troppo velocemente. Zuccheri, poi, che nel caso della mela sono costituiti essenzialmente dal fruttosio, l’unico zucchero con un basso indice glicemico.

La dieta delle mele se seguita con attenzione permette di perdere peso, ma soprattutto un regime alimentare che privilegia l’assunzione di frutta e verdura permette di depurare l’organismo e aumentare il proprio benessere.

Tutti i giorni
Colazione: yogurt magro, una mela e 40 grammi di muesli di mele
Spuntino e merenda: una mela oppure un bicchiere di succo di mela, o, ancora, una centrifuga di mela e carota.

Lunedì
Pranzo: insalata caprese (80 grammi di mozzarella e 150 grammi di pomodoro) condita con un cucchiaino di olio extravergine d’oliva, poco sale e basilico, un panino integrale e una mela
Cena: 150 grammi di  filetto di vitello alla brace, 250grammi di melanzane e zucchine alla griglia, crema di mela e banana

Martedì
Pranzo: 80 grammi di pennette al pomodoro e basilico, insalata di lattuga e carote, una mela
Cena: 80 grammi di prosciutto crudo sgrassato, una mela cotta

Mercoledì
Pranzo: insalata di mele e noci condita con poco olio, sale e una goccia di aceto di mele, un panino
Cena: 200 grammi di trota al cartoccio, insalata di lattuga ed indivia belga, una fetta di pane tostato, una mela

Giovedì
Pranzo: riso con mele, insalata mista
Cena: insalata di finocchi carote e ravanelli, 80 grammi di pasta con zucchine al vapore, condita con poco olio e un cucchiaino di parmigiano, una mela cotta

Venerdì
Pranzo: insalata di lattuga con un uovo sodo e 60grammi di tonno naturale, un panino, una mela
Cena: 80 grammi di pasta con melanzane a dadi con tre cucchiai di passata di pomodoro, un cucchiaino d’olio e basilico, una mousse di mela e kiwi

Sabato
Pranzo: insalata di carote, pomodori e porri, 100 grammi di carpaccio, un panino
Cena: pizza alla marinara, una pallina di gelato alla mela

Domenica
Pranzo: arrosto di mele, insalata di radicchio, lattuga carote, con qualche mandorla e poco olio, una fetta di crostata di mele
Cena: insalata di pomodori, insalata riccia con 50 grammi di tonno al naturale, un panino e una mela cotta

Oltre a combattere gli attacchi di fame, sono perfette per chi soffre di disturbi intestinali, diverticolite ed emorroidi comprese per l’alto contenuto di fibre. Sappiate che la pectina abbassa i valori del colesterolo. Ma una delle sue più importanti virtù è che aiuta anche a tenere sotto controllo il livello di insulina perché contiene come zucchero solo il fruttosio ovvero l’unico a basso indice glicemico; inoltre si rivela ottima nell’eliminazione dei metalli pesanti che circolano nel nostro corpo, soprattutto piombo e mercurio, e secondo la medicina tradizionale cinese è un tonico cardiaco, rafforza i polmoni, riduce le mucose e aumenta i fluidi corporei.

Ma non è finita qui, perchè se siete bravi e riuscite a mangiarne almeno cinque a settimana abbasserete il rischio di malattie respiratorie come l’asma. Tra l’altro questo è il frutto più ricco di flavonoidi, vitamina A e C e contiene anche piccole quantità di fosforo , calcio e potassio.

E se ancora non siete convinti sappiate che alcuni recenti studi hanno evidenziato che chi mangia frutta ricca di fibre come la mela rossa allontana anche il rischio di ammalarsi del morbo di Parkinson, mentre gustare il suo succo è invece l’elisir perfetto per tenere lontani tutti gli effetti dell’invecchiamento compreso il morbo di Alzheimer.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie