Sorriso spento gengive gonfie e sanguinanti, una spia del diabete

Un bel sorriso é un’arma vincente, dà sicurezza ed aiuta nei rapporti interpersonali ma se il vostro sorriso non brilla come vorreste, le gengive sono gonfie e sanguinanti o peggio i denti iniziano a muoversi potrebbe non trattarsi solo di problemi dentali, ma essere una spia del diabete. Viceversa, se si soffre di diabete è opportuno tenere sempre d’occhio le gengive. Fra le due patologie esiste infatti una stretta correlazione, ma ancora tenuta in poca considerazione.

Gli esperti lanciano l’allarme in occasione della Giornata mondiale del diabete del 14 novembre e invitano alle prevenzione. In Italia 5 milioni di persone soffrono di diabete o prediabete e il 30-40% è colpito anche da una forma di malattia parodontale, che può comportare un aggravamento del quadro clinico e un peggioramento della salute generale. Si tratta di 1,5-2 milioni di persone che convivono sia con il diabete, sia con la parodontite, un’infiammazione dei tessuti che sostengono il dente.

Come dimostrano gli studi più recenti, un diabetico ha infatti un rischio 3 volte più elevato di sviluppare un’infiammazione alle gengive. “La maggior parte dei pazienti non è consapevole della correlazione tra le due patologie – spiega Alessandro Crea, della Società Italiana di Parodontologia e Implantologia – la prevenzione parte proprio da una maggiore consapevolezza e da un’attenzione ad individuare sul nascere i segnali spia”.

In occasione della Giornata Mondiale sul Diabete SIdP (Società Italiana di Parodontologia e Implantologia) ha predisposto un decalogo per informare il paziente sulle correlazioni tra malattia parodontale e Diabete.

1. Diabete (ne soffrono 3,9 milioni di italiani) e Parodontite (8 milioni con forme gravi) sono malattie infiammatorie croniche e sono spesso correlate.

2. La Parodontite può rimanere a lungo asintomatica: il sanguinamento gengivale e il primo segno di malattia.

3. La percentuale di casi di parodontite e di diabete non diagnosticati è molto elevata.

4. Chi soffre di Diabete ha un rischio tre volte superiore di ammalarsi di Parodontite.

5. Viceversa, chi soffre di Parodontite, ha una tendenza a sviluppare Diabete.

6. Il Dentista deve eseguire un’accurata diagnosi (mediante una manovra specifica, il sondaggio parodontale) per individuare eventuali segni di parodontite.

7. Se presente Parodontite, bisogna intervenire con adeguata terapia e suggerire al paziente un programma di regolari visite di controllo con il dentista e mantenimento con l’Igienista Dentale.

8. Il Dentista attraverso la visita di denti e gengive e il colloquio con il Paziente può rilevare segni e sintomi di sospetto diabete.

9. Nei casi di sospetto Diabete, il Dentista può consigliare alcuni esami del sangue e una visita diabetologica.

10. Trenta minuti di attività fisica frequente e moderata, una dieta sana e un’attenta igiene orale aiutano la salute e la prevenzione di Parodontite e Diabete.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie