Le arance, una miniera di sostanze vitali

Dicembre è il mese per eccellenza delle arance, agrumi ricchissimi di proprietà benefiche per il nostro organismo e al contempo dal sapore gustoso e irrinunciabile.

Le arance rosse, non contengono solo elevate concentrazioni di Vitamina C, ma anche altre molecole antiossidanti dotate di spiccate proprietà salutistiche. Il principale antiossidante è la Cianidina, molecola dotata di proprietà anti-cancro, anti-infiammatorie ed anti-colesterolo cattivo.

Numerose ricerche scientifiche, inoltre, hanno dimostrato che la cianidina aiuta a mantenere integra la salute dello stomaco, dei globuli rossi e dei vasi sanguigni; protegge la vista; aiuta nella prevenzione dell’obesità e nel miglioramento del diabete. Le arance rosse contengono anche buone quantità di minerali e vitamine come A, B1 ,B2, PP, e anche di Vitamina B9, che, in adeguate quantità e in associazione con l’acido folico, è in grado di ridurre il rischio dell’insorgenza di alcuni difetti a carico del feto.

La contemporanea presenza di elevati livelli di Vitamina K e i contenuti molto bassi di sodio rendono questi frutti importanti nel contrastare l’insorgenza di ipertensione arteriosa. Gli zuccheri delle arance rosse vengono rapidamente assimilati risultando, in questo modo, molto utili in caso si stanchezza o stress. Grazie al loro basso contenuto in grassi, le arance rosse sono frutti ipocalorici: 34 kcal/100 gr.

La fibra contenuta nel callo bianco presente sotto la buccia regola l’assorbimento di zuccheri, grassi e proteine e favorisce il transito intestinale. L’acido citrico protegge la Vitamina C e aiuta a prevenire i calcoli renali. Infine, è stato dimostrato che la polpa delle arance rosse possiede una ottima efficacia nel ridurre i danni causati dai radicali liberi in soggetti sottoposti ad attività ed abitudini particolarmente stressanti come sportivi, professionisti e fumatori.

Sulla loro origine che si perde circa duemila anni fa, ci sono diverse storie di pensiero. Alcuni ritengono che fosse stata importata dalla Cina e dal Sud Est asiatico da marinai portoghesi solo nel XIV secolo, da qui probabilmente l’altro nome, portogalli, nelle varianti con cui vengono indicate in alcune regioni. Tuttavia le ulteriori denominazioni dipendono anche dal fatto che possono essere suddivise in due grandi categorie dipendenti dal gusto o meglio, dalla loro dolcezza o meno: le arance dolci e quelle amare. Tra le arance dolci, ovviamente quelle più apprezzate, possiamo annoverare le qualità più famose e rinomate come il Tarocco, il Sanguinello, fino alle varianti Valencia e Navel.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie