Creati batteri intestinali che combattono il tumore al colon-retto

A partire da un semplice e innocuo microrganismo presente nell’intestino umano normalmente sono stati creati batteri intestinali anti-cancro: combattono strenuamente il cancro del colon-retto trasformando nella pancia una molecola di broccoli e altri vegetali in un’arma contro il tumore che determina la regressione della malattia e ha anche effetti preventivi sulla crescita del cancro, il sulforafano.

E’ il risultato di uno studio condotto presso l’Universiità di Singapore e pubblicato sulla rivista Nature Biomedical Engineering. La ricerca si è svolta in due fasi, prima gli scienziati hanno creato una versione geneticamente modificata del batterio intestinale Escherichia coli, rendendolo capace di trasformare una molecola dei broccoli in un’arma anti-cancro.

Il cancro del colon retto è uno dei più comuni nei paesi ricchi. Sebbene i tassi di sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi siano relativamente alti quando il tumore viene diagnosticato precocemente, in fase avanzata di malattia la sopravvivenza cala parecchio e il rischio di recidiva è alto. Alla base di questa ricerca c’è l’innocuo batterio E. coli Nissle che vive normalmente nell’intestino umano. Gli scienziati lo hanno modificato geneticamente in modo che il microrganismo divenisse un probiotico in grado di riconoscere e appiccicarsi alla superficie delle cellule tumorali, infine di trasformare una sostanza presente in broccoli e verdure simili in una potente arma anticancro. L’arma anticancro entra e uccide le cellule tumorali limitrofe mentre non ha alcun effetto sulle cellule sane.

Poi hanno testato i batteri così creati su cellule tumorali umane e su topolini malati di cancro del colon-retto vedendo così che i batteri rilasciano un enzima che attiva la molecola anti-cancro dei broccoli e il tumore regredisce quasi del tutto, in più la crescita di nuove cellule tumorali è bloccata. Ai topolini è bastato mangiare un mix di batteri e broccoli per vedere regredire la propria malattia.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie